Sbalzi d’umore e cali fisici: eliminiamoli con la santoreggia

santoreggia
santoreggia

Problemi di sbalzi d’umore? Improvvisi cali fisici? Ecco che arriva la santoreggia in nostro aiuto, ma vediamo subito di cosa si tratta.
La santoreggia è una pianta aromatica della famiglia delle Labiate, originaria dell’Asia occidentale; cresce spontaneamente in Europa meridionale, Australia ed Africa, principalmente nelle zone montane. È caratterizzata da foglie lucide e strette di colore verde e fiori piccoli bianchi tendenti al rosa.

Con la Santoreggia si ottiene un olio essenziale, che è a tutti gli effetti un naturale antidepressivo e un valido aiuto per il sistema immunitario.

Finite le vacanze, dopo un meritato relax al mare e in montagna, ci si sente come ricaricati. Ma già dopo qualche giorno dal rientro, tutta questa vitalità inizia a scemare e non ci si sente più in piena forma. Nel giro di una decina di giorni non si sente più l’ “effetto vacanza” e riprende la vita stressante di tutti i giorni: code al supermarket e per strada, gli orari da rispettare, il lavoro. Ed ecco che incombe l’aumento di stress. Il nostro corpo si sente ancora in ferie, anzi, avrebbe già bisogno di nuove ferie. La santoreggia, in questi casi, è davvero utile.

I sintomi più frequenti che si avvertono in queste tipiche situazioni post-vacanza sono: cerchio alla testa, pesantezza nel pomeriggio, problemi digestivi consumando pasti veloci e magari poco salutari, gonfiore addominale, dolori alle spalle, debolezza alle gambe.
È come se il nostro organismo volesse ribellarsi e non volesse riprendere la vita di tutti i giorni.
La santoreggia aiuta a tonificare il plesso surrenale, il diretto responsabile che dà direttive di controllo dello stress; aiuta quindi l’organismo nell’adattamento alla nuova situazione. L’olio essenziale di santoreggia è un toccasana dalle mille proprietà: contribuisce a migliorare l’umore, ha effetti afrodisiaci, digestivi e antibiotici naturali; è indicatissimo per affrontare preparati il cambio stagione.

Come usarlo?
Versare 2 o 3 gocce di olio essenziale di santoreggia in un cucchiaio colmo di olio di jojoba, bagnare appena la punta delle dita e massaggiare in senso orario sul dorso, in prossimità delle fossette renali.
Prestare molta attenzione: l’olio essenziale di santoreggia è molto potente e un aumento delle dosi non è assolutamente consigliato.
Assolutamente sconsigliato è l’uso nei bambini.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!