Maria De Filippi, i siciliani irritati con la conduttrice di Uomini e Donne: ecco il motivo

La moglie di Maurizio Costanzo nel mirino dei siracusani: ecco il motivo

Dopo la messa in onda della seconda puntata di C’è Posta per Te di sabato 19 gennaio, sui vari social network si sono scatenate una serie di polemiche. Tra le tante storie affrontate da Maria De Filippi, una in particolare ha attirato l’attenzione di tutti i telespettatori.

C’è da dire, inoltre, che la vicenda in questione era stata ben pubblicizzata qualche giorno prima dai canali social della conduttrice. Stiamo parlando di Denise e Deborah, due ragazze siciliane, siracusane per esattezza, che hanno deciso di sposarsi anche se la famiglia della prima non era del tutto favorevole.

Maria De Filippi a C’è Posta per Te ha definito Siracusa un paesino

Ma le polemiche non sono nate per questa storia lesbo, ma quanto detto da Maria De Filippi. Quest’ultima, infatti, mentre provava in tutti i modi di convincere la madre di Denise ha chiesto alla donna se fosse preoccupata poiché in paese si chiacchiera molto.

Parole che non sono piaciute assolutamente a tutti i siracusani. Il motivo? Quest’ultimi sui social hanno affermato che Siracusa è una città e non un paesino. Polemiche che hanno sollevato un vero e proprio polverone mediatico.

Molto probabilmente Queen Mary ha pronunciato quel vocabolo involontariamente, infatti non è la prima volta che fa delle affermazioni del genere per spronare i propri ospite a far pace coi familiari.

Maria De Filippi come Barbara D’Urso?

Un episodio del genere era accaduto qualche anno fa da un’altra conduttrice di casa Mediaset. Nel 2014, infatti, durante una puntata di Pomeriggio Cinque Barbara D’Urso disse delle frasi poco felici nei confronti della città siciliana.

Anche in quell’occasione gli abitanti di Siracusa si arrabbiarono moltissimo sfogandosi sui vari social network. Lady Cologno definì Siracusa come un paesino sperduto dell’entroterra della trinacria. Successivamente la conduttrice napoletana si accorse dell’errore e chiese scusa a tutti.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!