Sformato di verdure

Sformato di verdure
Il piatto del giorno: sformato di verdure

La ricetta di quest’oggi è quella dello sformato di verdure. Questa pietanza è molto versatile, in quanto, in linea di massima, può rappresentare un gustoso contorno ma, essendo molto ricca, può anche essere servita come un ottimo piatto unico. Vediamo insieme passo passo come si realizza.

 

Ingredienti:

70 g di piselli

120 g di cavoletti di Bruxelles

200 g di cavolfiore

100 g di carote

50 g di funghi champignon

1 cucchiaio di burro

sale quanto basta

Per la besciamella:

60 g di burro

60 g di farina

1/2 bicchiere di latte

5 uova

sale quanto basta

 

Preparazione:

Lessare la verdura in acqua salata, tagliare i funghi in piccoli pezzi e soffriggerli nel burro. Mescolare in una casseruola a fuoco basso il burro e la farina finché non diventa color nocciola. Aggiungere lentamente il latte e continuare a cuocere, sempre mescolando, fino ad ottenere una salsa densa. Montare gli albumi a neve. Una volta fredda, unire alla besciamella i tuorli, il sale e infine gli albumi montati a neve. Incorporare le verdure e i funghi e versare il composto in uno stampo da sformato. Cuocere in forno a 220° per circa 45 minuti.

 

L’appuntamento con la prossima ricetta, come di consueto, è fissato per domani; intanto, se volete restare sempre aggiornati su tutti i miei articoli in tema di attualità, spettacolo e cucina, potete chiedermi l’amicizia cliccando qui e se siete alla ricetta di idee gustose per i vostri amici intolleranti al glutine, potete seguirmi mettendo il vostro like qui.

 

Le ultime ricette scelte per voi:

Maccheroni alla pastora: cliccate qui

Babà al rum: cliccate qui

Fettuccine alla salsa di granchi: cliccate qui

Stoccafisso alla livornese: cliccate qui

Stufato misto alla fiorentina: cliccate qui

Baccalà alla vicentina: cliccate qui

Aragosta alla parigina: cliccate qui

Omelette (ricetta base): cliccate qui

Tacchino saporito: cliccate qui

Biscotti al burro: cliccate qui

Tortellini alla panna: cliccate qui

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!