Il vaccino dell’Ebola, nuova eccellenza made in Italy

Società farmaceutica GlaxoSmithKline

A Pomezia è finalmente nato il primo vaccino contro l’Ebola, che sarà sottoposto a sperimentazione nelle prossime settimane negli Usa prima e poi in Gran Bretagna. La sperimentazione richiede oltre 10 mila dosi entro i prossimi due mesi e sono già in produzione a Pomezia, negli stabilimenti di Okairos Advent, siti nell’IRBM Science Park. Vi è  la concreta possibilità che il farmaco Chad3Ebola-Zaire venga usato sul campo.

Questo vaccino è stato creato  in un’azienda ceduta a GlaxoSmithKline lo scorso anno per 250 milioni di euro. L’attuale casa madre è in Svizzera ma ha tenuto in piedi i due stabilimenti di Napoli e Pomezia mantenendo quasi tutti gli occupati, infatti  il 90% degli addetti è rimasto italiano.

Il presidente Nicola Zingaretti ha dichiarato in una nota“Il siero Antiebola proviene ed é prodotto dai laboratori della IRBM Science Park di Pomezia. Orgogliosi di questa eccellenza italiana nel Lazio. Orgogliosi di averli sostenuti, grazie ad un finanziamento di Cnr, Istituto Superiore di Sanità e la stessa IRBM, per la ricerca sulle malattie rare. Continueremo così perché crediamo nel Lazio. Questa è l’Italia che ci piace”.

Marta Bonafoni vice capogruppo di Per il Lazio al Consiglio regionale si dice orgogliosa che il vacino sia stato prodotto nei laboratori di Pomezia “un’eccellenza della nostra Regione, e siamo sicuri che questa giunta vorrà proseguire in questa direzione, considerando la ricerca una delle prime voci di spesa».

Il lavoro di ricerca dietro a questa scoperta è durato per ben cinque anni, svolto  anche grazie ad una sovvenzione regionale per la ricerca,  ma soprattutto grazie ad una tecnologia brevettata della piattaforma flessibile alla base della creazione di vaccini prima inesistenti. Ovviamente l’IRBM ha fornito sostegno economico allo studio che ha portato alla produzione del siero anti ebola. Ora non ci resta sperare che questo possa contribuire all’arresto e al controllo di questa terribile malattia.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!