‘Ho fallito due volte’: Gerry Scotti choc, ecco cosa è successo al conduttore pavese

Gerry Scotti
Il racconto di Gerry Scotti

Il conduttore pavese si confessa in un’intervista a 360 gradi

Senza ombra di dubbio Gerry Scotti è uno dei pilastri della televisione italiana. Dopo aver concluso, per il momento, i suoi impegni nel preserale di Canale 5, con Caduta Libera e poi The Wall, per il momento va in onda in prime time con Chi vuol essere milionario? Il pavese ha trovato tempo anche per un’intervista dove ha fatto delle confessioni abbastanza forti su quello che gli è accaduto in passato, parlando anche del futuro.

Gerry Scotti e i progetti futuri col figlio Edoardo

In una recente intervista a La Stampa, Gerry Scotti ha parlato dei colleghi che dopo una certa continuano a lamentarsi perché non li fanno lavorare in televisione.

“Provo imbarazzo per alcuni “grandi della tv” che si lamentano, magari passati gli 80 anni, perché “non li fanno lavorare”. Sono frasi che spero non dirò mai. Non accorgersi che il “tempo è finito” è un peccato grave”,

ha detto il conduttore pavese. Quest’ultimo, inoltre, ha affermato che molto presto intraprenderà delle attività con Edoardo, il suo unico figlio:

“Prima o poi avvierò con mio figlio e alcuni collaboratori una casa di produzione per realizzare contenuti per la tv. Credo sia il modo giusto per dare la svolta a una carriera che sinceramente mi ha dato tantissimo”.

Gerry Scotti e i fallimenti della sua vita

Scotti ha anche detto che nella sua vita ci sono stati due fallimenti su tre: il divorzio dalla moglie e la morte. Il pavese ha dichiarato che è stato un miracolo che non sia caduto in depressione. Grazie al lavoro la sue mente è rimasta occupata e ha reagito. A quell’epoca lui era al timone dei game show Passaparola prima e Chi vuol essere milionario? dopo.

Gerry ha detto anche che non va fiero di una cosa: non essere riuscito ad avere un buon rapporto con la sua ex moglie. Oggi per fortuna ha una nuova compagna che lo rende felice, mentre rimpiange di non aver studiato di più.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!