Ragazza accarezza gatto randagio in vacanza: rimane paralizzata

Ragazza carezza gatto e finisce sulla sedia a rotelle

Gemma Birch, una ragazza di 24 anni, ha pagato a caro prezzo il suo amore per gli animali. Il calvario  della giovane blogger di Southport, nel Merseyside, ha inizio, quando nel vedere un gatto randagio non ha resistito alla tentazione di fargli delle coccole.

Dopo la carezza al gatto randagio l’inizio del calvario

Nel 2014, la ragazza nel corso di una vacanza nel villaggio turistico di Albufeira, una città costiera dell’Algarve, in Portogallo, si innamora a prima vista di Catarina, questo il nome che Gemma che dà alla gattina. Purtroppo il felino era portatore di una infezione batterica, che ha costretto a lungo la ragazza sulla sedia a rotelle. La ragazza ha raccontato che:

“Durante la vacanza ho iniziato a vomitare e sul volo di ritorno sono svenuta”.

La diagnosi dei medici

Una volta tornata in patria, la ragazza è stata ricoverata in ospedale. Dagli esami a cui viene sottoposta, i medici scoprono che la ragazza è stata infettata dal batterio campylobacter, che solitamente può trovarsi nel pollo crudo. La ragazza viene dimessa dall’ospedale una settimana dopo, ma deve farvi nuovamente ritorno perché una notte gli accade di avvertire un intorpidimento alle gambe.

A seguito ad altri esami, i medici gli diagnosticano la sindrome di Guillain-Barré. La ragazza ha quindi cominciato un lungo percorso di riabilitazione. In particolare ha trascorso un anno e mezzo in un struttura specializzata, ma per recuperare del tutto l’uso delle gambe ci sono voluti altri 14 mesi. Così ha raccontato Gemma:

“Ho dovuto affidarmi alle infermiere per andare in bagno e lavarmi, ho perso il controllo del mio intestino e della vescica e non potevo usare le braccia o le mani perché erano così deboli”.

Il calvario passato però non ha scalfito per nulla il suo amore per gli animali. Di certo però la prossima volta ci penserà bene prima di avvicinarsi e fare una carezza a un animale randagio.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!