‘Non è una scelta ma una necessità’: Paolo Bonolis e Sonia Bruganelli, il dolore per la malattia della figlia

Il noto conduttore romano e la moglie combattono un dramma familiare 

Nonostante davanti alle telecamere si mostra burlone, Paolo Bonolis nel suo privato vive ogni giorno un piccolo dramma insieme alla moglie Sonia Bruganelli. Purtroppo la loro primogenita ha due seri problemi di salute. Nel dettaglio la bambina soffre di una disabilità motoria, ed è cardiopatica.

Fin da quando era piccola, la figlia di Paolo e Sonia ha dovuto affrontare insieme al padre e alla madre, delle sedute di fisioterapia per riuscire a riprendere un po’ di autonomia.

Paolo Bonolis e Sonia Bruganelli e le azioni per far star bene la loro primogenita 

In questo ultimo periodo Paolo Bonolis e soprattutto la moglie Sonia Bruganelli sono pesantemente criticati ed attaccati dagli internauti per il loro modo di vivere sfarzoso. In una recente intervista al quotidiano Corriere della Sera, l’imprenditrice ha dichiarato che la sua famiglia ha a disposizione un jet privato per alcuni eventi particolari. Ma proprio nell’ultima intervista insieme Paolo Bonolis, la Bruganelli ha voluto chiarire a tutti la vera motivazione di questa scelta.

“All’inizio ho voluto noleggiare io l’aereo privato. Siamo in tanti e la primogenita Silvia ha problemi motori”,

ha dichiarato la donna che di recente viene criticata dai leoni da tastiera per ogni cosa che pubblica sul suo profilo Instagram.

Sonia Bruganelli si giustifica per il jet privato dicendo che serve per far viaggiare in modo più comodo la figlia malata 

Nel corso di una recente intervista Sonia Bruganelli deciso di chiarire una volta per tutte la scelta di noleggiare un piccolo aereo privato. La sua decisione non era dettata da un capriccio o o per mostrare che è ricca, ma solamente per i problemi di mobilità di cui è affetta la figlia. Come spiegato prima, certe scelte sono state fatte solo per il bene della loro primogenita.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)