Isola dei Famosi 2019: ecco il primo naufrago che conquista la finale

La caccia al tesoro

Nella caccia al cocco verrà decretato il naufrago che conquista la finale. L’Isola dei Famosi sta mettendo a durissima prova la mente dei vari naufraghi, creando non poche polemiche all’interno dei vari gruppi. Le regole, accettate dai concorrenti, vengono spesso violate. Questo porta a delle penalità per tutta la squadra, spingendo i capisquadra ad impartire delle punizioni. Nonostante i normalissimi litigi tra i vari naufraghi di questa edizione, Alvin ha deciso di dare ufficialmente il via alla “caccia al tesoro”.

I concorrenti sono stati messi di fronte ad un forziere con dei coltelli incastrati sul coperchio, uno ad uno hanno estratto le lame e tramite dei numeri scritti su ognuna di esse sono stati stabiliti i turni per la ricerca del Cocco D’oro.

I 28 cofanetti

In questa caccia al cocco verrà decretato il naufrago che conquista la finale. La redazione ha sotterrato ben 28 cofanetti in metallo e solo uno contiene il rinomato e ricercato Cocco. Ai concorrenti, uno per volta, è stato dato un metal detector con il quale ricercare il cofanetto, ma nessuno di loro dovrà mai affermare di avere trovato il tesoro (pena la perdita dei benefici acquisiti con il Cocco D’oro), se non in caso di nomination.

La caccia al tesoro è solo una delle sfide che ha messo a dura prova la loro resistenza fisica e psichica. Le razioni di cibo sono state dimezzate a causa del mancato rispetto delle regole di gioco e tra i concorrenti si sono sollevate le polemiche.

La Demetra piangente

Nella caccia al cocco verrà decretato il naufrago che conquista la finale, ma sull’isola c’è anche chi ha problemi di adattamento. Demetra Hampton ha deciso di isolarsi dal gruppo. A causa dei problemi di salute che l’hanno costretta a letto durante la permanenza in villa, prima di raggiungere l’Isola, la concorrente non è riuscita a legare con gli altri naufraghi e si sente quindi esclusa dal resto del gruppo, oltre che più volte accusata dalla stessa Taylor.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!