Rotolo Pasternak

Il piatto del giorno: Rotolo Pasternak

La ricetta di quest’oggi è quella del Rotolo Pasternak (eh sì, come il celebre Boris Pasternak, l’autore del Dottor Zivago), una sorta di polpettone di carne e patate, mediamente elaborato e dagli ingredienti non eccessivamente costosi, che può rappresentare un secondo piatto diverso dall’ordinario, da accompagnare con un contorno di verdure di stagione. Vediamo insieme come si realizza.

 

Ingredienti per 4 persone:

1 kg di patate

1 uovo

50 g di farina

30 g di burro

sale quanto basta

Per il ripieno:

400 g di carne di manzo arrosto

1 cipolla

1 uovo

2 cucchiai di pangrattato

sale e pepe quanto basta

 

Preparazione:

Lavare le patate e lessarle con la buccia; non appena saranno cotte, sbucciarle e passarle al setaccio, unire l’uovo, la farina e 1 cucchiaino di sale. Lavorare con le mani l’impasto e stenderlo a forma di rettangolo alto circa 2 centimetri.

Tritare finemente l’arrosto (vanno benissimo gli avanzi), unire la cipolla tritata, l’uovo, il pangrattato, il sale e del pepe nero macinato sul momento; mescolare bene gli ingredienti e versare il ripieno nella parte centrale del rettangolo di pasta e, nel senso della lunghezza, unire i bordi formando un grosso salame: l’operazione vi risulterà facilitata se avrete avuto l’accortezza di stendere la pasta di patate su un foglio di carta oleata o un telo.

Ungere una pirofila con il burro e trasferirvi il rotolo badando di non romperlo, quindi mettere in formo a 160° per 45 minuti. E’ pronto quando in superficie si sarà formata una crosticina dorata.

Lasciare intiepidire, quindi tagliare a fette spesse circa 1 centimetro, irrorare con poco burro fuso e servire.

 

L’appuntamento con la prossima ricetta è fissato, come di consueto, per domani; intanto, se volete restare sempre aggiornati con i miei articoli di attualità, spettacolo e cucina, potete chiedermi l’amicizia, cliccando qui.

 

Altre ricette di carne scelte per voi:

Tacchino saporito: cliccate qui

Stufato misto alla fiorentina: cliccate qui

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
admin: