Aurora Ramazzotti arriva l’annuncio ufficiale: la notizia che farà felice Michelle Hunziker

Michelle Aurora
Michelle Hunziker e Aurora Ramazzotti, il regalo per il compleanno

La figlia di Eros Ramazzotti è riuscita a superare l’esame di guida

Dopo tanta fatica, finalmente Aurora Ramazzotti è riuscita a raggiungere il suo grande obbiettivo. La ventiduenne, figlia di Michelle Hunziker e di Eros Ramazzotti è riuscita ad ottenere la patente di guida B, mostrandola con tanto orgoglio ai propri follower di Instagram. Alcune ore fa la ragazza era nel suo parrucchiere di fiducia per farsi i capelli. Nell’attesa, per ammazzare il tempo la giovane ha risposto ad alcune domande che le hanno rivolto i seguaci.

Aurora Ramazzotti si è presa la patente per la guida dell’automobile

Come tutti ben sanno su Instagram c’è la funzione in cui i propri follower possono fare delle domande a propri beniamini. Nella giornata di ieri Aurora Ramazzotti ha deciso di farlo svelando di aver passato finalmente l’esame di guida. Ricordiamo che tre anni fa, precisamente nel giugno del 2016 la figlia di Michelle Hunziker era stata bocciata per la seconda volta.

Talmente fu tanta la delusione, che la ragazza sembrava aver gettato la spugna. Ma a quanto pare si è armata di coraggio ed è riuscita a superare una missione impossibile e, stando alle parole della Ramazzotti ha risposto con successo a tutte le domande. (Continua dopo la foto)

Aurora

Aurora Ramazzotti dopo le minacce è costretta ad essere sempre accompagnata da una guardia del corpo

Un paio d’anni fa, Aurora Ramazzotti aveva rivelato nel corso di un’intervista al sito Freeda che non avrebbe avuto mai bisogno della patente di guida. Effettivamente non le servirebbe visto che è seguita giorno e notte dalla guardia del corpo ed autista Sergio.

Ora anche quest’ultimo potrà riposarsi di più. Ricordiamo, che la figlia di Michelle Hunziker ed Eros Ramazzotti da alcuni anni gira con il bodyguard perché ha ricevuto delle minacce di morte o che le avrebbero fatto del male con dell’acido.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!