‘Povero cucciolo..!’ Elisa Isoardi nella bufera: ecco cosa ha fatto al suo cagnolino – Foto

Elisa Isoardi

Elisa Isoardi è una delle conduttrici più amate e sui social ha un largo seguito. La ex compagna di Salvini ha ricevuto tantissime critiche per il suo cagnolino. Ecco cosa è successo

Elisa Isoardi è molto seguita sui social, ed è proprio per questo che ogni suoi post viene subito inondato da una serie di like, commenti e condivisioni. Dopo un breve periodo, in cui la conduttrice ha fatto fatica a prendere l’eredità della conduttrice Antonella Clerici, ora sembra avere il suo pubblico e i suoi fan.

Elisa Isoardi, le critiche sui social

Elisa Isoardi condivide con i fan tutti i suoi attimi di vita quotidiani, almeno quello meno privati. Già in passato è stata criticata duramente e ingiustamente per una foto che la ritraeva sul letto con Matteo Salvini, uno scatto privato ma che non lasciava vedere cose sconce. Eppure, in molti le hanno criticato il fatto di rendere pubblico uno scatto privato di un Ministro che ha comunque una propria reputazione da difendere.

Elisa però, ha più volte spiegato che non aveva alcun intenzione di danneggiare o umiliare Matteo, il suo ex (?), ma solo di voler dedicare delle belle parole ad una persona importante con uno scatto molto carino.

La Isoardi e i commenti contro di lei sui social

La bella Elisa Isoardi questa volta sono arrivati dagli haters che hanno notato una cosa piuttosto particolare: l’adorato barboncino di Elisa viene ritratto in una foto molto carina in cui si vede felice sulla neve. Tantissimi i like ma anche i commenti negativi imputati soprattutto al fatto che il cucciolo sembra non equipaggiato a dovere per la neve.

In effetti, con le temperature basse di questi giorni è necessario mettere dei cappottini o delle scarpette ai cani, per evitare che quelli meno abituati e più scarni possano avere freddo. Probabilmente, Elisa non si aspettava la neve e sicuramente provvederà a prendergli un cappottino. Ma da qui a riempirla di critiche sembra un po’ esagerato!

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!