Gerry Scotti sbotta contro la Rai e il canone, la battuta al veleno: ‘E’ giusto ricordare che lì pagate…’

Gerry Scotti

Il conduttore pavese si sfoga a Chi vuol essere milionario?

Ieri sera su Canale 5 è andata in onda la quarta ed ultima puntata di Chi vuol essere milionario?, lo storico quiz condotto da Gerry Scotti. Per il momento sembra poco probabile la decisione di registrare altri appuntamenti, anche perché lo studio attualmente in uso si trova in Polonia e Mediaset sicuramente ne farà uso la prossima stagione televisiva. La scalata di Zeno Zonato, concorrente che era presente già la scorsa settimana si è conclusa con un bel colpo di scena, l’uomo si è portato a casa ben 70 mila euro.

Gerry Scotti ricorda che il discorso del Presidente Mattarella vine trasmesso in modo uguale su tutte le emittenti televisive

La concorrente successiva è stata Ines Iacovella, medico internista da Pescara, originaria di Guardiagrele, in provincia di Chieti. Le prime domande sono state un po’ ostiche per la ragazza che ha dovuto usare anche un aiuto. Ma nel quarto quesito Gerry Scotti ha fatto delle dichiarazioni che sicuramente faranno discutere nelle prossime ore.

“Nel tradizionale discorso di fine anno, lo scorso 31 dicembre, il Presidente Mattarella ha mostrato…”.

Le opzioni erano: Una cartina; Un dipinto; Una fotografia; Un manifesto. Ines non ha ascoltato il discorso e non ha la minima idea di cosa potrebbe aver mostrato. Per questo, ha chiesto l’aiuto al conduttore pavese. A quel punto quest’ultimo ha ironizzano dicendo:

“L’ho visto su Canale 5, non so se è stato lo stesso discorso in onda su Rai Uno”.

Gerry Scotti al veleno contro la Rai

Naturalmente la battuta in questione è dovuta al fatto che i dati di ascolti non sono bilanciati tra i vari canali che lo trasmettono in diretta. Sembrerebbe che il discorso in onda su Rai Uno sia percepito come più affidabile e vero, mentre gli altri canali vengano considerati senza alcun motivo valido meno affidabili in quella circostanza.

Poi ha consigliato ad Ines la risposta ‘Un dipinto’, perché era un ritratto che gli era stato regalato pochi giorni prima dai ragazzi di un centro per l’autismo di Verona. Il consiglio di Scotti si è rivelato giusto. Dopo la risposta zio Gerry ha rimarcato ancora una volta il fatto del canone e che a Mediaset non si paga un centesimo per vedere le stesse cose.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!