Sport, Manuel Matteo Bortuzzo: vittima di una sparatoria a Roma

Vittima di una sparatoria

Gli amanti dello sport sono in tensione per la salute della promessa del nuoto italiano Manuel Matteo Bortuzzo. Il 19enne si è trasferito da Treviso per allenarsi al centro federale di Ostia, seguendo le orme di Federica Pellegrini.

Ieri sera era in compagnia dei suoi amici quando nella capitale italiana, in piazza Eschilo, è stato ferito al torace con un colpo di pistola. E’ stato portato immediatamente in ospedale in codice rosso. Per il momento sono in corso le indagini dei poliziotti del commissariato di Ostia e della Squadra Mobile di Roma. Per ora si pensa a uno scambio persona.

L’intervento all’ospedale San Camillo

Poche ore fa Manuel stava passeggiando con amici ed altri atleti nei pressi di un pub della piazza romana. Il posto era sorvegliato dalle forze dell’ordine, intervenute a una rissa scoppiata mezz’ora prima del tragico evento.

I ragazzi, non potendo raggiungere quel locale per bere qualcosa, hanno deciso di rientrare a casa. In quell’istante Bortuzzo è stato raggiunto da un proiettile. Subito dopo aver chiamato il 118, è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale Grassi di Ostia. Dato che la situazione è stata considerata grave, è stato trasferito all’ospedale San Camillo, nel reparto di neurochirurgia.

E’ stato operato dal primario prof. Alberto Delitala, che ha bloccato l’emorragia interna, provocata dal proiettile che si sarebbe fermato su una vertebra. Poi sarà sottoposto a un’operazione neurochirurgica. I familiari sono preoccupati, però sono certi che il campione di nuoto affronterà il tutto con la forza di un leone.

L’arrivo dei genitori a Roma

Dopo aver saputo di quanto accaduto, il presidente della Federnuoto Paolo Barelli si è immediatamente recato all’ospedale San Camillo dove sta aspettando l’arrivo dei genitori di Manuel da Treviso. Inoltre si è attivato affinché venga garantita al giovane atleta la massima assistenza possibile.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!