Gravissimo lutto nel mondo della musica: ‘Perdere l’amore’ dice addio al suo papà

Tragico lutto nel mondo della musica, un personaggio che ha fatto e segnato la storia è mancato improvvisamente, lasciando in eredità la canzone “Perdere l’amore”

Una perdita inaspettata che lascia senza fiato, lasciando in eredità una delle più belle canzoni del panorama musicale italiano. Ecco cosa è successo

Addio al padre di Perdere l’amore

Giampiero Artegiani muore alla vigilia del Festival di Sanremo, dove vinse come autore di una delle più belle canzoni che rimarranno nei cuori di tutti.

Artegiani era nato a Roma il 14 maggio 1955 e cresce come musicista della band con voce di Michele Zarrillo. Una volta che il gruppo si sciolse decise di diventare un compositore e paroliere per creare alcune canzoni che sarebbero rimaste invariate nel tempo.

Una carriera come cantante che non ebbe alcun successo, nonostante le tematiche importanti e i la convinzione di trovare spazio all’interno della giungla musicale – molto agguerrita in quegli anni. Non si perde d’animo e comincia a produrre e scrivere pezzi per i grandi della musica, lasciando un’eredità molto importante come “A casa di Luca” di Silvia Salemi – i successi di Franco Califano, Michele Zarrillo e Maria Carta.

Il lutto di Massimo Ranieri

Il vero grande successo venne nel 1988, quando Massimo Ranieri interpretò e vinse con la canzone “Perdere l’amore”, diventata oggi un classico evergreen della musica italiana e conosciuta da ogni generazione.

Oggi, Massimo Ranieri si definisce triste per questa grande perdita di un uomo che ha consacrato la sua carriera con queste parole che rimarranno incise nel cuore di tutti per sempre.

Una perdita per la musica italiana e per i cantautori alla quale forse – da oggi – mancherà un po’ di magia.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!