“Solo a Sanremo?” Il figlio di Andrea Bocelli scopre l’Ariston

Andrea Bocelli

Il grande ospite nella prima serata di Sanremo 2019 è Andrea Bocelli. Salirà sul palco dell’Ariston assieme al figlio Matteo, che sta cercando di ripercorrerne le orme. Il tenore italiano ha pubblicato pochi mese fa il suo ultimo album “Sì”, un successo di portata internazionale, che ha scalato la prima posizione negli Stati Uniti secondo la classifica firmata Billboard.

Andrea Bocelli e figlio in duetto

Il gigante della musica italiana 25 anni fa la vinse tra le Nuove Proposte, con Il mare calmo della sera. Nell’edizione successiva si esibì tra i Big, portando Con te partirò. Staserà canterà ma – racconta Andrea Bocelli – non sarà purtroppo in gara e, pertanto, percepirà un’adrenalina diversa.

Duetterà con il direttore artistico Claudio Baglioni e il figlio Matteo, in un brano tratto dal recente disco. Sanremo – spiega – è forse l’unica grande occasione per la musica italiana. Un salto nella rete per gli esordienti che, in cinque minuti, si giocano una carriera intera.

Matteo, erede di un mito

Con la mente Andrea Bocelli torna, poi, al debutto. Sentiva che in ballo c’era il suo futuro e sognava di poter vivere grazie alla musica. Il padre, che era timido, soffriva per lui, in fondo al teatro. A distanza di decenni, si considera un uomo molto più fortunato: con Matteo potrà divertirsi sul palco. Si augura che questa emozione Matteo la viva allo stesso modo, in serenità e leggerezza.

Questo non è possibile considerarlo un inizio: sta studiando seriamente al Conservatorio. Al fianco di Andrea Bocelli in conferenza stampa anche il figlio Matteo. Che rivela sarà una grandissima emozione e un’esperienza più unica che rara. Cantare insieme al padre è una cosa che fa da bambino, ma questo palco meraviglioso porta tanti ricordi.

Sulla possibile futura partecipazione a Sanremo in solitaria preferisce non sbilanciarsi: è concentrato sul presente. Tra i concorrenti in gara apprezza particolarmente Ultimo perché arriva dritto al cuore delle persone.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!