Valeria Marini portata via dai Carabinieri a Sanremo: ecco cosa è successo

Valeria Marini

La soubrette sarda non supera le barriere anti-terrorismo

Ieri sera se Rai Uno è andata in onda la prima delle cinque serata del Festival di Sanremo 2019 condotto da Claudio Bisio, Claudio Baglioni e Virginia Raffaele. Una serata piena di gaffe, problemi di audio e battute considerate fuori luogo dal popolo del web. Inoltre, spesso al regia della kermesse ha inquadrato spesso Valeria Marini seduta nella prima fila della platea al Teatro Ariston.

Quest’ultima, però, vestita con uno scintillante abito argentato, non ha superato la barriera anti-terrorismo predisposta dalla Questura della cittadina ligure per delimitare la cosiddetta zona rossa. La soubrette sarda, non avendo trovato l’ingresso riservato ai personaggi dello spettacolo, si è recata in via Matteotti.

Per superare la lunga coda all’entrata e i controlli da parte delle forze dell’ordine, ha provato in tutti i modi di entrare dalla corsia riservata all’uscita, ma è stata respinta dai poliziotti che, non facendosi corrompere, non hanno l’hanno fatta passare nonostante lei dicesse di essere la Marini. (Continua dopo il video)

Valeria Marini chiede di essere portata via da una volante dei Carabinieri: ecco perché

Ma non è finita qui, Valeria Marini ne avrebbe combinata un’altra nella cittadina ligure. Stando a quanto riportato da alcuni utenti su Twitter, la statuaria Valeriona è stata scortata da una volante dei Carabinieri fuori dal Teatro Ariston di Sanremo. Per quale motivo? Sembra che la showgirl sarda sentisse troppo freddo per fare selfie e rilasciare autografi ai fan. Quindi per evitare l’affollamento di persone intorno a lei ha chiamato le forze dell’ordine per essere portata via.

“Ho appena assistito alla scena più bella della mia vita: la Marini fuori dall’Ariston che per evitare selfie congeda tutti con “no ragazzi scusate, ho troppo freddo. Dov’è l’auto? Chiediamo un passaggio a quella volante dei carabinieri. CARABINIERIIIII”,

ha scritto un blogger su Twiter.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!