Morbillo, focolaio a Rimini: 17 casi in provincia

Morbillo Trieste sette casi

Nella sola provincia di Rimini, nelle ultime settimane l’Ausl della Romagna ha registrato 17 casi di morbillo. L’azienda sanitaria, in una nota, ha sottolineato che il primo contagio si è verificato lo scorso 28 dicembre. Nella maggior parte dei casi si tratta di studenti delle scuole superiori.

Morbillo: come stanno i pazienti ricoverati

Stando a quanto si apprende, questi casi di morbillo si sono verificati tra coloro che non avevano effettuato o completato la vaccinazione atta a prevenire questa infezione. Per due dei pazienti contagiati si è reso necessario il ricovero in ospedale. Sempre stando a quanto si apprende, il primo che è stato ricoverato per una complicazione encefalica è stato dimesso, il secondo invece è tuttora ricoverato per una polmonite. Per gli altri pazienti invece non si sono verificate complicazioni.

L’Ausl Romagna che ha posto in essere tutte le misure per far sì che il focolaio rimanga circoscritto, sottolinea al contempo che non tutti hanno accettato di sottoporsi alla vaccinazione. Stando a quanto emerge dalle statistiche, la provincia di Rimini è quella dove si segnala la percentuale più bassa di copertura vaccinale in Emilia Romagna.

Morbillo, dati Oms: record di casi in Europa

Nel 2018, nei 53 paesi che figurano nell’area europea dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono stati segnalati oltre 82mila casi di morbillo. A riferirlo è proprio l’Organizzazione Monmdiale della Sanità che ha pubblicato un comunicato. Questo aumento dei casi di morbillo si è verificato nonostante nel 2017 la somministrazione del vaccino ha raggiunto la copertura più alta per la seconda dose.

Morbillo: sintomi e vaccino

Il morbillo è una patologia infettiva trasmessa da un virus del genere morbillivirus. La patologia si manifesta con una caratteristica eruzione sulla pelle, che dura tra i 10 e i 20 giorni. Questi gli altri sintomi che lo caratterizzano: febbre, tosse secca, naso che cola, congiuntivite. La cura è soltanto sintomatica: il paracetamolo si utilizza per abbassare la febbre, gli sciroppi per lenire la tosse e le gocce per la congiuntivite.

Si utilizza un vaccino vivo attenuato che viene somministrato sotto forma di complesso vaccinale contro il morbillo, la parotite e la rosolia (Mpr). La malattia dà luogo ad una immunizzazione permanente, per cui una volta superata non ci si ammalerà più.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!