Obesità: è possibile individuarla già da bambini

Obesità ormone brucia grassi

I soggetti a rischio di obesità si possono individuare già a 10 anni. Difatti alcuni bambini a causa di una predispozione genetica possiedono un metabolismo più lento che quindi favorisce l’accumulo di peso. E’ quanto emerge da uno studio condotto dall’Università di Pisa e dal National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases del Maryland. Ma andiamo a analizzare più nello specifico quanto scoperto dai ricercatori.

Obesità: si può scoprire fin da bambini

La ricerca è stata condotta su 181 bambini nativi americani, in quanto in questa etnia l’obesità risulta particolarmente diffusa. Per conoscere il loro funzionamento basale i bambini sono stati visitati a 5 e 10 anni, fasi cruciali della crescita durante l’infanzia. Per l’ateneo pisano lo studio è stato condotto dall’ingegnere biomedico Paolo Piaggi.

Secondo il ricercatore uno dei risultati più importanti raggiunti con questo studio, è la dimostrazione che alcuni bambini presentano un metabolismo ridotto. Ciò può mettersi in relazione con una predisposizione genetica. Pertanto individuare quanto prima questi bambini, permetterebbe di prevenire le conseguenze che l’obesità potrebbe avere nell’età adulta, ad esempio il diabete o l’aumento dei rischio cardiovascolare.

I ricercatori in particolare dopo aver ottenuto i dati metabolici dei bambini a 5 e 10 anni, li hanno messi in relazione con l’aumento di peso a 15 annni. Per quantificare questo aumento di peso hanno tenuto conto della variazione dell’indice di massa corporea secondo unità standardizzate (“z-score”). Questo indice considera non soltanto il peso corporeo ma anche altri fattori quali il sesso, l’altezza e l’età. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista pubblicato sulla rivista Metabolism Clinical and Experimental.

Obesità infantile

L’obesità infantile può definirsi un problema di salute pubblica sempre più diffuso. Vi sono diversi fattori che possono favorirla. Lo stile di vita e il comportamento in particolare svolgono un ruolo essenziale per quanto riguarda l’obesità infantile.

Alcune abitudini, quali ad esempio saltare la prima colazione, spuntini frequenti, bere bevande ad alto contenuto di zuccheri, aumentano il rischio di sovrappeso e obesità nell’età dell’infanzia. Altri fattori che possono favorirla sono i seguenti: la mancanza di attività fisica e la durata del sonno. Per i bambini in età scolare si consigliano tra le 9 e le 11 ore di sonno.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!