Il Volo vittima di bullismo nelle ultime ore, ecco cos’è successo

Accuse pesanti

In queste ore ruotano polemiche intorno a i cantanti de Il Volo vittime di bullismo. Questo Festival di Sanremo si è chiuso all’insegna delle accese polemiche. Quest’ultimi sono stati pesantemente insultati e offesi dai giornalisti della sala stampa.

Il triste episodio si è verificato nel momento in cui Claudio Baglioni annunciava che Il Volo si era posizionato al terzo posto. A quel punto alcuni dei giornalisti presenti in sala si sono scagliati contro i tre ragazzi. Essi hanno esultato urlando: “Mer*e” – come testimoniano i video caricati in rete e sui social. Una vergogna assoluta che non dovrebbe mai verificarsi soprattutto in un’era dove si combatte per abbattere tutte le forme di bullismo e cyberbullismo.

Facchinetti docet

L’episodio che riguarda i cantanti de Il Volo vittime di bullismo è stato portato in auge da Francesco Facchinetti. In particolar modo abbiamo visto che quest’ultimo, sui suoi canali social, ha mostrato un filmato dove si possono ascoltare chiaramente gli insulti e le offese nei confronti dei tre ragazzi de Il Volo. A sua volta non ha usato parole carine nei confronti dei giornalisti che hanno puntato il dito contro i vincitori di Sanremo 2015.

E in queste ore, dopo la bufera scoppiata in rete e sui social, ecco che anche i tre artisti hanno voluto dire la loro su quello che è accaduto in questi giorni al Festival di Sanremo postando un messaggio sui social. Il trio ha precisato di aver riflettuto a lungo prima di esprimersi su quello che è successo all’interno della sala stampa del Festival di Sanremo. Dimostrazione di grande maturità da parte dei tre ragazzi, poco più che ventenni.

I video parlano chiaro

Molti giornali parlano dei cantanti de Il Volo vittime di bullismo. Infatti, i tre tenori, alla luce dei filmati che hanno avuto modo di visionare hanno fatto sapere che tali insulti possono essere considerati una vera e propria forma di bullismo nei loro confronti. Questo Festival farà parlare di sé per molto altro tempo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!