Benvenuta Europa a…Torino

 

BenvenutaEuropa-w75

Il Vertice dei Ministri europei della Cultura che si svolgerà a Torino il 23 e 24 settembre e così ecco le parole cariche di emozione del primo cittadino Piero Fassino.

Il ruolo di capitale – prima della dinastia sabauda, poi dell’Italia – ha consentito a Torino di accumulare nel tempo una solida tradizione culturale, ben rappresentata da un ampio patrimonio di Residenze reali, espressione straordinaria di architettura barocca.
Negli ultimi quindici anni tuttavia è avvenuto qualcosa di più e di nuovo: Torino – per un secolo città manifatturiera e industriale – ha conosciuto una significativa trasformazione della sua identità. Senza perdere il suo profilo industriale, la città è via via venuta arricchendosi di nuove vocazioni, tutte ruotanti intorno a sapere e conoscenza: Torino è oggi sede di centri di ricerca nazionali e internazionali; è città universitaria di eccellenza; è capitale di cultura con una ricca programmazione di eventi in ogni disciplina. E grazie al forte investimento culturale, Torino è divenuta una importante meta turistica.

Torino è dunque la dimostrazione di come la cultura sia un fattore costitutivo dello sviluppo, una leva che muove capitali, promuove l’applicazione di tecnologie, crea lavoro. E soprattutto cambia la qualità di un territorio, rendendolo attrattivo e accogliente. E per questo capace di offrirsi come attraente per ogni tipo di investimento e di attività.

Torino – città dove è nato il cinema italiano a fine ‘800 – è sede del prestigioso Museo nazionale del Cinema, del Torino Film Festival, del LGBT International Festival e del Festival Cinema Ambiente.
Torino è città “musicale” con un Conservatorio di grande prestigio, uno dei Teatri lirici italiani – il Teatro Regio – più antichi e prestigiosi , due Orchestre sinfoniche nazionali, eventi di grande qualità come Torino Jazz Festival, Mito Settembre Musica, Torino Danza.

Nella prosa la città vanta il Teatro Stabile, riconosciuta eccellenza nazionale e internazionale, e un ricco paniere di compagnie teatrali.
Nel campo dell’editoria Torino ospita da vent’anni il Salone Internazionale del Libro, a cui si affianca una ricca attività di promozione del libro e della lettura. A Torino è nata la scuola dell’Arte Povera e la città è sede di prestigiose istituzioni pubbliche – la Fondazione del Castello di Rivoli, la Galleria di Arte Moderna – e private – la Fondazione Sandretto, Merz, CRT – dell’arte contemporanea.
La città dispone di 45 musei, tra i quali il Museo Egizio (il secondo al mondo), il Museo di Arte Orientale, la Galleria Sabauda e il Polo Reale, Palazzo Madama e i Musei storici.

La storia industriale della città si ritrova nel Museo nazionale dell’Auto.

E, infine, Torino e il Piemonte – dove è nato Slow Food – vantano una tradizione gastronomica e culinaria che dà luogo a eventi culturali di rilievo internazionale, quali il Salone del Gusto e Terra Madre.
È questa Torino che accoglie i Ministri Europei e i tanti ospiti internazionali, con una “Settimana europea della cultura”, ricca di eventi, mostre, manifestazioni. A tutti il benvenuto di Torino: una città orgogliosa della sua storia, che vive di cultura e ha nella cultura un tratto fondamentale della sua identità.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!