“Io sono Mia, un colpo al cuore”: Loredana Bertè si commuove

Io sono Mia

Da oltre vent’anni ha lasciato il mondo terreno, ma nel cuore dei fan Mia Martini non sparirà mai. Andato in onda martedì 12 febbraio, Io sono mia ha confermato quanto la cantante abbia lasciato un’impronta indelebile negli appassionati e non solo, con oltre 7 milioni di italiani assiepati davanti al piccolo schermo.

Chi l’ha conosciuta meglio di chiunque altro è la sorella: Loredana Berté ha raccontato le emozioni provate assistendo al film su Rai 1, che ripercorre gli alti e i bassi della vita di Mimì, interpretata da Serena Rossi. Mandato in onda a pochi giorni dal Festival di Sanremo 2019, era uno dei prodotti più attesi per quel che riguarda la stagione televisiva invernale.

Io sono Mia: il giudizio di Loredana Bertè

In occasione della presentazione, Loredana Berté ha dichiarato che rivedere Mia Martini è stato un po’ doloroso. Peggio: un colpo al cuore. Tuttavia, Serena glielo ha anche scaldato con la sua anima. Sui social, a didascalia di una foto che le ritrae insieme, Loredana consiglia di guardare il film.

Si è congratulata pubblicamente con l’attrice: ha studiato molto nei movimenti, negli scatti, nella malinconia e nel dolore provato, ma che raramente mostrava. In certe scena di Io Sono Mia è stata impressionante – continua Loredana Berté – la somiglianza, da arrivarle dritta al cuore. Si è scorta l’anima di Mia Martini, anche se non sa come la Rossi ci sia riuscita senza il suo vissuto. Trasmettendole quell’emozione che l’ha coinvolta sin dalla prima scena.

La storia

Io sono Mia è ambientato nel 1989, quando Mia Martini tornò a Sanremo con Almeno tu nell’universo, dopo anni di esilio forzato a causa delle calunnie che circolavano sul suo conto. Si diceva, infatti, nel mondo dello spettacolo che portasse sfortuna.

Gli inizi difficili, il complicato rapporto col padre, le scorribande con Loredana Berté, il marchio infamante di iettatrice, il buio, fino alla rinascita: niente è stato tralasciato nel racconto.