Kekko Silvestre e i Modà: grandi novità per la band

Kekko Silvestre

Kekko Silvestre “trasloca”. D’ora in avanti le opere artistiche saranno gestite da un altro rappresentante, che ne dà l’annuncio.

Kekko Silvestre: il comunicato ufficiale

In veste ufficiale Warner Chappell comunica di aver sottoscritto un accordo editoriale col cantautore e leader dei Modà. In altre parole, tutto ciò che Kekko creerà sarà gestito dall’azienda che ha come attività principale la ricerca e formazione di autori per incidere nuove composizioni musicali, offrire servizi di gestione e tutelare i repertori musicali preesistenti, nonché promuovere collaborazioni tra artisti e producer.

Le prime parole a caldo

Soffia vento di novità sui Modà e il loro frontman ne è la più fulgida dimostrazione. Nei prossimi mesi compiranno il loro ritorno con Testa o croce, album che uscirà a seguito del divorzio con la vecchia etichetta. Riguardo all’intesa raggiunta con Warner, Kekko Silvestre si dice felice e onerato.

Si tratta di una casa editoriale storica, pertanto spera che potranno condividere soddisfazioni in futuro. E seguire un corso inedito accompagnato da chi ha riposto fiducia nella sua scrittura. Durante la settimana del suo compleanno non potevano fargli regalo migliore. Spera di ricambiare l’opportunità dando il 100% in tutto quello che farà.

Gli ultimi lavori e quelli nuovi in agenda

Kekko Silvestre è stato impegnato negli ultimi anni con la scrittura di Cash, una sceneggiatura mai diventata un film. Che si è però tramutata in un libro edito Mondadori, uscito negli scorsi mesi. Come produttore ha invece lavorato ai dischi Domani è un altro film (prima e seconda parte) e Splende (quarto album di Annalisa).

Roberto Razzini, Managing Director di Warner Chappell Music Italiana professa felicità per aver aggiunto Francesco alla scuderia. Pertanto, annunciare la nuova collaborazione imbastita con uno tra gli artisti italiani più prolifici e di maggior successo come Kekko Silvestre è fonte di grande orgoglio, prestigio e soddisfazione.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!