Cancro, come funziona il casco che non fa cadere i capelli delle donne in chemioterapia

Cadco refrigerante donne chemioterapie

Un casco refrigerante per evitare la caduta dei capelli delle donne che devono affrontare un ciclo di chemioterapia per la cura di una patologia tumorale. L’utilizzo di questo speciale caso ha avuto buoi risultati anche all’opedale di Lugo di romagna  a Ravenna. Ma andiamo a considerare più nello specifico i risultati ottenuti.

Casco refrigerante che non fa cadere i capelli durante la chemio: ecco come funziona

Il Paxman Scalp Cooling system, questo il nome del casco refrigerante, è arrivato all’istituto oncologico romagnolo grazie a una donazione di 35mila euro. Il professore Claudio Dazzi, direttore del day Hospital oncologico, ha spiegato che al momento sono state trattate 62 donne: di queste 35 hanno portato a termine il trattamento chemioterapico senza che vi sia stato un diradamento o una perdita della chioma.

Il casco refrigerante ha funzionato quindi nel 56% dei casi. Si tratta indubbiamente di un risultato importante. Soltanto cinque pazienti vi hanno dovuto rinunciare a causa del mal di testa e della sensazione di freddo. Complessivamnee quindi i risultati ottenuti possono considerarsi molto positivi.

Casco refrigerante: ecco come agisce

Questi risultati si ottengono in particolare grazie al sisttema inglese Paxman. La cuffia in silicone che si applica alle pazienti prima durante e dopo la chemioterapia, provoca una restrizione dei vasi sanguigni che irrorano i bulbi piliferi. In tal modo con questo metodo nella maggioranza dei casi si riesce ad evitare la caduta dei capelli. Con questo sistema è possibile trattare due pazienti per volta, per un totale di 4 al giorno ad una temperatura fissa di meno 4 gradi centigradi.

Chemioterapia e perdita dei capelli

I trattamenti tumorali possono avere quale effetto collaterale proprio la perdita dei capelli. Si tratta purtroppo di un effetto non infrequente derivante da questo tipo di terapia. Per alcuni pazienti il cranio calvo non rappresenta alcun tipo di problema, altri invece, soprattutto le donne, preferiscono ricorrere a parrucche, capelli, foulard.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!