‘Sporchi di sangue…’: Chiara Ferragni in difficoltà, ecco cosa è successo alla moglie di Fedez

Chiara Ferragni

Chiara Ferragni nel mirino degli animalisti

Chiara Ferragni è finita ancora una volta al centro delle polemiche. Questa volta a puntarle il dito contro sono gli animalisti.

Ma per quale motivo? Alcune ore fa la popolare fashion blogger cremonese è stata accusata della Aidaa, ovvero l’Associazione per la difesa degli animali e dell’ambiente, dopo che la moglie di Fedez ha pubblicato sul suo profilo Instagram uno scatto in cui la donna sfoggia una borsa in coccodrillo.

Chiara Ferragni e la borsa di coccodrillo

“Molto probabilmente la signora Chiara Ferragni non ignora quale massacro ci sia dietro la borsa di coccodrillo da lei presentata nei giorni scorsi”,

ha scritto l’associazione animalista attraverso un comunicato ufficiale. Quest’ultima, inoltre, ha affermato che nonostante tutto l’influencer che vive serena nel cuore di City Life a Milano se ne frega altamente.

Secondo loro alla Ferragni non interessa minimamente frega che centinaia di cuccioli di coccodrillo vengono rinchiusi in vasche di cemento e uccisi in maniera brutale, spesso sgozzati con coltelli o taglierini per far sì che la loro pelle ancora giovane possa servire per produrre borse e cinturini di orologi, proprio come quelle borse che la signora Chiara Ferragni propone in cambio di soldi.

L’appello della Aidaa agli animalisti

Ma non è finita qui. Il comunicato della Aidaa continua così:

“Già il cambio è sempre lo stesso: soldi per il sangue degli animali”.

A quel punto l’associazione ha invitato tutti gli animalisti a non seguire più Chiara Ferragni sui social e di scrivere alla fashion blogger cremonese ricordandole che il suo denaro è sporco di sangue di animali morti per accontentare persone che per il loro egoismo permettono il sacrificio di milioni di animali ogni giorno.

“Persone delle quali la signora Chiara Ferragni è testimonial perfetta con le mani sporche del sangue di milioni di innocenti”,

conclude il comunicato.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!