Avvelenamento da liquore tossico: 156 persone morte in India

Liquore adulterato India

Liquore tossico prodotto illegalmente: salgono a 156 le persone morte in India. Altre 300 invece sono ricoverate in ospedale. E’ quanto accaduto nello Stato nord-orientale dell’Assam. Le vittime sono soprattutto gli operai di piantagioni di tè dei distretti di Golaghat e Jorhat nello Assam.

Intossicazione da liquore tossico

Le vittime hanno bevuto del liquore contaminato con alcol metilico, un agente chimico che produce danni al sistema nervoso centrale. Purtroppo i decessi a seguito del consumo di alcol adulterato in India risultano piuttosto frequenti, in quanto le persone più povere non hanno il denaro sufficiente per acquistare le bevande nei negozi gestiti dal governo con tutte le garanzie che ne derivano per quanto riguarda la salubrità del prodotto. Il liquore prodotto clandestinamente invece costa molto poco e viene sovente adulterato per aumentarne la gradazione alcolica.

Le indagini e i primi arresti

Intanto il governatore dello Stato di Assam ha disposto l’apertura di una inchiesta su quanto accaduto. Stando a quanto si apprende, la polizia avrebbe già arrestato un uomo che vendeva alcol adulterato. Inoltre due responsabili che si occupavano dell’amministrazione delle imposte sono stati sospesi in quanto non hanno adottato le opportune e adeguate precauzioni prima di utilizzare la vendita del liquore. Infine sono stati raccolti dei campioni per effettuare le analisi mediche.

Alcol metilico: cos’è

L’alcol metilico risulta presente nei vini in modeste quantità. E’ noto anche come metanolo ed è molto tossico per la salute dell’uomo. In genere è compreso tra 60 e 150 mg/l.

Tale composto origina nel processo della vinificazione per l’idrolisi enzimatica dei gruppi metossilici delle pectine. Dato che ha un effetto molto tossico, la legge fissa i limiti massimi relativi alla presenza di questa molecola nelle bevande alcoliche. Nel 1986 in Italia vi fu un caso di adulterazione del vino con metanolo, che fu causa di danni fisici permanenti e anche della morte di alcune persone.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!