Cronaca: nuove indiscrezioni sul grave incidente aereo dei giorni scorsi

Novità molto forti

Ecco che proseguono le indagini sul grave incidente aereo del 21 gennaio in cui hanno perso la vita il calciatore argentino Emiliano Sala e il pilota Dave Ibbotson. Lunedì 25 febbraio, come hanno riportato Camilla e Fabio, sarà reso noto il rapporto che darà le prime informazioni sulle cause. Tuttavia, dal giornalista Christian Martin sono arrivate alcune rivelazioni.

Il giornalista ha difatti pubblicato sul suo account Instagram il piano di volo del Piper PA-46 Malibu che, come spiega, contiene alcuni errori. Anomalie, come sottolinea il giornalista, parecchio evidenti. Il primo riguarda la matricola del velivolo, il secondo il tipo di volo. Insomma, ciò, poteva essere ponderato in maniera diversa.

Indiscrezioni salienti

Le indagini sul grave incidente aereo evidenziano che nelle ore in cui vi è verificato il disastro, si è parlato di basse temperature e nuvolosità intensa sul Canale della Manica. Si attende, comunque, il rapporto ufficiale che potrà aggiungere ulteriori elementi utili a ricostruire quei drammatici momenti. Per ora, stando alle novità riportate da Fabio e Camilla, la situazione risulta ancora complicata.

Nei prossimi giorni, inoltre, si darà avvio a nuove attività di ricerca per tentare di recuperare il corpo di David Ibbotson, utilizzando navi, elicotteri e sommozzatori. Stando alle informazioni diffuse dalla famiglia del pilota, finora sono stati raccolti 276mila euro. Nessuna cifra potrà mai rendere il dolore dei parenti e consolare lo strazio dei genitori.

Il mondo del calcio unito

Sul grave incidente aereo delle settimane scorse, Camilla e Fabio, hanno riportato tutti i cordogli da varie parti del mondo, In particolare, dall’Italia, molte squadre hanno inondato i social di miriadi di messaggi di solidarietà. Speriamo che, in futuro, non ci siano ennesime morti accidentali dovute ad incidenti in aereo. Ci uniamo al dolore delle famiglie del calciatore e del pilota morti poco più di un mese fa.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!