Uomini e Donne: Nino Castanotto aggredisce Stefania Petyx di Striscia la Notizia

Nino Castanotto

Nino Castanotto e il servizio di Striscia la Notizia

Qualche settimana fa l’inviata di Striscia la Notizia, Stefania Petix si è recata a Messina per ascoltare una donna che rappresenta un gruppo di persone che sostengono di essere stati truffati da Nino Castanotto. L’ex dipendente a nome dei clienti ha rivelavo che il protagonista del Trono over di Uomini e Donne non vuole assolutamente pagare lo stipendio a coloro che lavoravano nella sua agenzia viaggi.

L’uomo dovrebbe dare all’incirca 40 mila euro all’ex socia che per disperazione ha chiamato il programma di Antonio Ricci. Anche se la sua agenzia viaggi andava bene, Nino Castanotto ha deciso di chiuderla. Ma per quale motivo? Il cavaliere del parterre senior di U&D ha aperto un ristorante a Conte Franca, in provincia di Brescia.

Subito dopo è intervenuto l’altro inviato di Striscia la notizia, ovvero Max Laudadio che si è recato nel comune dove vive Nino per parlare direttamente con l’uomo. In un primo momento è sembrato favorevole, ma subito dopo ha iniziato ad inveire chiudendo la porta in faccia al giornalista. Qualche ora dopo ha chiamato la redazione del tg satirico rivelando che la signora Elena ha ricevuto una querela da parte sua perché l’ha minacciato.

Nino Castanotto aggredisce Stefania Petyx

A distanza di qualche settimana Nino Castanotto non è stato più chiamato da Uomini e Donne, in più ha deciso di querelare Striscia la Notizia. Questa sera, martedì 26 febbraio 2019 il tg satirico di Antonio Ricci è tornato a parlare del cavaliere del Trono over.

Quest’ultimo, però, appena ha visto l’inviata siciliana Stefania Petyx ha cercato di aggredire lei e la troupe e poi è fuggito via. La situazione è degenerata al punto che sono intervenuti i Carabinieri che hanno invitato la giornalista ad allontanarsi al Castanotto. Dopo qualche ora l’uomo si è calmato affermando che in realtà ha già restituito all’incirca 5 mila euro, mentre non sa nulla dei restanti 2500.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!