Emma Marrone, il lutto e lo straziante ricordo sui Instagram: ‘Addio…’

Emma Marrone

La tragica morte di Keith Flint

Poco fa si è diffusa a macchia d’olio una brutta notizia che ha sconvolto il mondo della musica mondiale. Purtroppo è morto Keith Flint, il cantante dei Prodigy e volto punk dell’elettronica.

L’artista che era anche un ballerino, è stato trovato privo di vita questa mattina, lunedì 4 marzo 2019 nella sua casa nell’Essex, contea dell’Inghilterra orientale. Una notizia che ha scosso tutti, sul profilo Instagram del gruppo Liam Howlett è apparso il seguente messaggio accanto ad uno scatto che ritrae il compianto Flint:

“La notizia è vera. Non ci credo ma devo dirvi che nostro fratello Keith si è ucciso nel weekend. Sono scioccato, arrabbiato, confuso e col cuore spezzato”.

(Continua dopo il post)

Emma Marrone e il messaggio di cordoglio per l’improvvisa morte di Keith Flint

Anche in Italia il mondo della musica è rimasto sotto choc. Infatti tantissimi cantati hanno deciso di ricordarlo con una foto o un messaggio sui propri profili social. Tra questi anche Emma Marrone, reduce del successo che ha ottenuto a Rom con l’ultima tappa del suo tour.

L’artista salentina tra le sue Stories ha postato uno scatto che ritrae Keith Flint e accanto un cuore rosso spezzato. Nessuna parola, ma si evince che l’ex coach di Amici di Maria De Filippi è rimasta molto turbata di questa improvvisa morte. Come lei anche altri colleghi che fanno parte del panorama musicale, ma anche del mondo dello spettacolo. (Continua dopo la foto)

Chi è Flint Flint?

L’improvvisa morte di Keith Flint a soli 49 anni, sembra proprio essere il sigillo su un periodo musicalmente rivoluzionario e travolgente. Flint Flint era di Braintree, Essex. Verso la metà degli Anni Novanta, dopo aver fatto da ballerino per la band, l’artista ha preso il ruolo di frontman, quando cantava Firestarter. L’ultimo CD del gruppo, ‘No tourist’, che vedeva anche un brano scritto da Flint, Champions of London, era uscito nello scorso novembre 2018.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!