Addio all’inquinamento con le piante!

Nel mondo vegetale vi sono molte piante che hanno anche funzioni diverse da quella ornamentale estetica, ma possiedono diverse capacità che riguardano l’area del benessere in generale.

Alcune specie  ad esempio sono dei veri e propri regolatori naturali dell’umidità rilasciando nell’aria la quantità ideale di vapore acqueo,  attività interessante in  periodi  dell’anno in cui il calore dei termosifoni secca innaturalmente  l’aria.

Altre  hanno la capacità di assorbire fino al 90% delle sostanze inquinanti presenti nell’ambiente domestico. questa caratteristica si chiama fitodepurazione

I danni provocati dall’ inquinamento domestico si sottovalutano o peggio ancora non si conoscono; esistono sostanze che una volta aspirate, possono a lungo andare diventare molto dannose  per la nostra salute.

In una comune abitazione cittadina vi sono presenti molti vapori nocivi   piu’ o meno palesi che possono essere prodotti per esempio da fumo di sigarette, camini, spray deodoranti o prodotti chimici per le pulizie ,vernici, disinfettanti, formaldeide; non da meno da apparecchi elettrici o elettronici , di cui le case moderne ne sono estrememente ricche , nasce quindi anche l’inquinamentro elettromagnetico.

Scegliendo quindi la giusta composizione di piante nella propri abitazione puo’ davvero aiutare a combattere certi “malesseri della casa” e  creare un benessere complessivo sia dell’intero ambiente che sul  nostro fisico depurandolo
e nel contempo abbelliscono la nostra abitazione.

Per conseguire buoni risultati  contro l’inquinamento indoor , servono alcune regole su come il posizionare le piante  in zone strategiche  ed  occorre anche  tenerle pulite. Le sostanze inquinanti infatti si depositano proprio sulla parte fogliare bloccando o riducendo la fitorespirazione .

Alcune di queste piante sono :

il ficus benjamin, la  nolina o comunemente chiamata pianta mangiafumo, la dracena,dieffenbanchia, lo spatifillo, il pothos aureo, la Tillandsia cyanea, il cactus peruvianus,la sanseveria,la calathea crocata,hoya carnosa o fiore di cera,philodendrum,la felce di Boston o nephrolepis, la kenzia.

Tutte sono di facile coltivazione e non hanno bisogno di particolari “pollici verdi “unica condizione importante è sapere il grado di innaffiamento da effettuare su ogni singola specie che deve’essere correlato alla temperatura dell’ambiente, controllando costantemente le piante in modo che non si inaridiscano.

Elena Meggiorin

Garden Designer

www.ellendesign.it

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
ellendesign: Laureata in Industrial Design presso il Politecnico di Milano come Garden-Designer inizia a lavorare presso studi ed aziende florovivaistiche gestendo progetti sia per clienti pubblici che privati. Tuttora collabora con diverse realtà; aziende e professionisti di settore come progettista , garden designer ,supporto di fotosimulazioni e "green marketing " e garden shopper "Ricerca sempre nei progetti di giardini, terrazzi ed aree verdi, un eleganza formale accompagnata da un’alta personalizzazione e la fusione perfetta tra la bellezza della natura e la funzionalità e l'accoglienza, trasformando gli spazi verdi in luoghi di armonia e benessere." "Amo costruire i giardini, terrazzi e le aree verdi passo passo assieme ai miei clienti, instaurando una relazione per conoscere, capire e interpretare i loro desideri e trasformarli in realtà. Cerco, sin dal primo sopralluogo, i dettagli discordanti e gli elementi che possono disturbare, per poi giocare ad elevarli a punti di forza." Attività: Progetti del verde, (giardini e terrazzi privati - verde aziendale allestimenti) Realizzazione di Fotosimulazioni per professionisti. Realizzazione allestimenti per eventi . organizzazione Fiere di settore Realizzazione scenografie, stand e allestimenti Coordinazione e realizzazione attività di comunicazione marketing. Green Marketing Graden shopper consulenza su arredi e strutture per l'esterno articoli di settore green