Da Barbara D’Urso, mette le mani addosso e sono costrette a separarle: ecco cosa è successo (Video)

A Pomeriggio Cinque di Barbara D’Urso, Daniela Del Secco Marchesa D’Aragona e Maria Monsè hanno litigato

Alcune ore fa nella seconda parte di Pomeriggio Cinque è accaduto di tutto e di più nello studio di Cologno Monzese. Nel salotto di Barbara D’Urso erano presenti Daniela Del Secco Marchesa D’Aragona e Maria Monsè e, come spesso accade, gli animi si sono surriscaldati.

Una parola di troppo e da una semplice discussione si è arrivati ad una vera e propria rissa. La finta nobile si è alterata e alzandosi dalla sua postazione si è recata al cospetto della Monsè e ha provato in tutti i modi di strapparle tutti gli oggetti che la soubrette aveva tra le mani.

Per fortuna è intervenuta Lady Cologno altrimenti la situazione sarebbe degenerata. Dopo qualche minuto di sbandamento, per fortuna nello studio del rotocalco di Canale 5 tutto è tornato alla normalità.

Barbara D’Urso furiosa con Daniela Del Secco Marchesa D’Aragona: ecco le sue parole

L’atteggiamento di Daniela Del Secco, però, non è piaciuta per niente a Barbara D’Urso. Infatti, il modo in cui ha minacciato Maria Monsè è stato davvero brutto da vedere. Quindi Carmelita ha detto questo alla sua ospite:

“Marchesa la prossima volta se lei si alza e fa questa sceneggiata non la invito più. A me queste cose non mi piacciono”.

L’ex gieffina ha davvero superato il limite ma, a differenza delle altre volte, oggi Lady Cologno le ha dato un severo avvertimento. Ma per quale motivo le due donne sono arrivate alla rissa? In pratica Daniela Del Secco Marchesa D’Aragona ha fatto delle aspre critiche a Maria Monsè e nei confronti del suo matrimonio. La soubrette nata a Non è la Rai, comunque, ha dimostrato di saper tenere testa a coloro che le vanno contro. Ecco il video della lite a Pomeriggio Cinque:

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)