Abbassa la pressione come i farmaci: ecco di cosa si tratta

Sonno ore perdute

C’è un modo molto semplice per diminuire la pressione sanguigna allo stesso modo dei farmaci. Dopo aver riposato un’ora a mezzogiorno, si ottiene come beneficio proprio la riduzione della pressione. Si tratta di un effetto simile che si può sovrapporre a quello che sarebbe ottenibile utilizzando un farmaco antipertensivo a basso dosaggio. Ma andiamo a conoscere nel dettaglio i risultati di questo studio condotto da Manolis Kallistratos, dell’Asklepieion General Hospital a Voula, in Grecia.

Dormire per un’ora può abbassare la pressione quanto un farmaco: i risultati della ricerca

I ricercatori hanno preso in esame 212 pazienti di età superiore ai 60 anni affetti da ipertensione. I pazienti sono stati monitorati per 24 ore attraverso un apposito strumento portatile.

I ricercatori hanno quindi confrontato la pressione media sanguigna di quanti avevano come abitudine questo riposino pomeridiano con chi invece non lo faceva. Nell’arco delle 24 ore, i primi avevano una pressione massima di 5 millimetri di mercurio più bassa rispetto agli altri soggetti del campione. Inoltre per ogni ora passata a dormire, la pressione diminuiva di altre tre unità.

Detto in altri termini, chi ha fatto una siesta durante il giorno ha beneficiato di una riduzione della pressione sanguigna pari a 5 mm/HG.

I risultati ottenuti, a detta dei ricercatori, sarebbero del tutto paragonabili a quelli ottenibili utilizzando altri sistemi per ridurre la pressione, quali ad esempio l’assunzione di farmaci specifici a basso dosaggio oppure la riduzione del consumo di sale o degli alcolici.

Il sonno è fondamentale per il benessere psicofisico di mente e corpo. I disturbi del sonno comportano molti effetti negativi per la salute, quali abbassamento della soglia di attenzione, irritabilità, problemi di memoria ed altro ancora. Tuttavia non bisogna neanche esagerare perché dormire durante le ore del giorno potrebbe andare ad alterare il ritmo circadiano, ovvero di sonno veglia, quindi potrebbe darci qualche difficoltà a prendere sonno durante le ore notturne.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!