Patrizia Rosetti: divorzio dopo Pechino Express

patrizia rossetti

Patrizia Rossetti uno dei volti più importanti e conosciuti della tv, da sempre impegnata nelle televendite Mediaset racconta il post Pechino Express a distanza di parecchi mesi dal termine. Proprio in questo contesto, durante la registrazione delle televendite la Rossetti ha conosciuto il marito, il cameraman Rudy Londoni, si erano sposati nel 2012 sul lago di Garda.

Dopo essere tornata insieme alla sua amica e compagna di mille avventure Maria Teresa Ruta da Pechino ha dovuto affrontare un evento che nessuno si sarebbe mai aspettato ovvero il divorzio dal marito.

Liti ed incomprensioni, una storia arrivata al capolinea

Prima di partire per Pechino marito e moglie avevano avuto parecchie discussioni, entrambi si erano posti delle domande sulla loro storia, si erano chiesti se ne sarebbe valsa la pena portare avanti una relazione del genere o meno. Tra loro era calato il silenzio, non parlavano, non avevano nulla da dirsi, non c’era più condivisione, passione, voglia di stare insieme quindi forse il tornado arrivato al suo ritorno in Italia era un pò preannunciato.

A proposito del matrimonio Patrizia dice di essere certa che quando si ama si sente la voglia di sposarsi, si ha bisogno di condividere a pieno la propria vita con il compagno o la compagna. Quando però manca la voglia di andare avanti non si può fare diversamente, questo può succedere sia durante un matrimonio che qualsiasi relazione che non imponga una fede al dito.

Uniti da un cagnolino

Alla domanda: “Sei sicura di voler chiudere la relazione con tuo marito?” la Rossetti risponde di sì e aggiunge che non avendo figli ma solamente un cagnolino comune non c’è alcuna necessità che li spinge a stare insieme pur non volendo. Al momento si vedono due volte a settimana perchè hanno deciso di tenere il cagnolino un pò ciascuno. 

Cosa è cambiato da quando il marito è andato via di casa? Lei è più serena, è tranquilla, riesce a ridere e sorridere, è tornata se stessa e lui non le manca affatto. Più sicura di così!

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!