Incidente aereo per Elena Morali: panico ad alta quota

elena morali

Per Elena Morali che da pochissimo giorni ha lasciato l’Italia per andare a rilassarsi in vacanza alle Maldive c’è stato un piccolo ma terrorizzante incidente aereo.

L’ex naufraga dell’Isola dei Famosi fidanzata del comico Gianluca Fubelli, dal quale qualche mese fa si era separata (avrebbero dovuto sposarsi ma il tutto è stato posticipato), non riesce a nascondere di amare pochissimo i viaggi in aereo e quest’ultima vicenda ha probabilmente messo la parola fine.

L’Isola come cura dell’ansia

Elena aveva deciso di iniziare l’avventura all’Isola proprio per vincere le sue paure ed ansie, prima di arrivare in Honduras infatti non riusciva a salire su un aereo, da allora in poi il trauma era stato superato anche se non del tutto.

Purtroppo però, anche se la disavventura è finita bene dato che in qualche modo sono riusciti ad atterrare, dopo questa brutta avventura probabilmente non prenderà più un aereo in vita sua.

L’incidente che pone la fine ai viaggi in aereo

Ma cosa è successo? La Morali si trovava a bordo di un aeroplano sull’arcipelago dell’Oceano Indiano e durante la trasvolata il copilota ha accusato un malore quindi di conseguenza il mezzo ha iniziato a perdere quota.

La showgirl lombarda ha subito raccontato tramite una storia su Instagram di essere stata costretta a prendere l’aeroplanino in questione per tornare in aeroporto, era spaventata già dall’inizio perchè dava l’impressione di un mezzo di trasporto poco sicuro ed infatti non si sbagliava anche se l’incidente non è stato causato dal mezzo ma dallo sfortunato pilota.

Tutto è bene ciò che finisce bene si dice ed in questo caso non c’è frase più appropriata, c’è stato il lieto fine e la Morali a pochissimi minuti dall’incidente è riuscita a riappropriarsi del suo cellulare entrando su Instagram e raccontando l’accaduto aggiungendo di essere parecchio preoccupata dall’idea di dover prendere altri aerei per tornare in Italia e mettendo in dubbio che questo sarà fatto.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!