Il Paradiso delle Signore: l’addio di Vittorio Conti

Il Paradiso delle Signore: l’addio di Vittorio Conti
Il Paradiso delle Signore: l’addio di Vittorio Conti

È ufficiale: Il Paradiso delle Signore chiude i battenti. La speranza di avere una quarta stagione si è affievolita. Tra le motivazioni, i costi troppi elevati della soap pomeridiana di Rai Uno. Oggi, venerdì 15 marzo, gli attori e le attrici hanno girato le loro ultime scene che saranno trasmesse in tv a maggio 2019. Il protagonista, Alessandro Terzigni, ha lasciato un messaggio ai fan in alcune Instagram Stories.

Il Paradiso delle Signore chiude i battenti, parla Vittorio Conti

Il protagonista de Il Paradiso delle Signore ha pubblicato su Instagram un copione contenente l’ultima scena di Vittorio Conti. In seguito ha postato nelle Instagram Storie dei video-messaggi per i fan della soap Anni Sessanta. L’attore, sempre con un luminoso sorriso sul volto, ha esordito con un ‘Eccoci qua‘.

Ha inquadrato il suo camerino e gli studi che lo hanno ospitato per nove mesi. L’attore ha raccontato che è stata un’esperienza indimenticabile. I suoi occhi velatamente lucidi e la sua voce malinconica hanno fatto capire che gli mancherà molto Vittorio Conti e la sua allegra combriccola. Ha ringraziato i fan della daily soap per aver reso l’avventura anni Sessanta una cosa meravigliosa.

Nonostante gli ascolti tv stellari, i vertici della Rai hanno votato per la sua chiusura definitiva. È stato un brutto colpo per il cast, la troupe e i fan de Il Paradiso Delle Signore. I fan di Alessandro Tersigni possono però fare dei sogni tranquilli. L’attore ha chiuso il video-messaggio con una bella promessa:

‘Ci rivedremo, ovviamente’

Addio alla soap Anni Sessanta?

La chiusura della soap Il Paradiso delle Signore è stata definita come un danno gravissimo per la Rai. Giancarlo Leone, Presidente di Apt, ha dichiarato che chiudere la soap significherebbe sottovalutare gli eccellenti risultati ottenuti fino ad adesso dalla Rai Uno. Significherebbe anche fare un passo indietro della Rai rispetto al suo effettivo ruolo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!