‘Non mi sposo più…’: anticipazioni Verissimo. Ambra Angiolini e il rapporto con Massimiliano Allegri

Verissimo

Verissimo: Ambra Angiolini si confessa nel salotto di Silvia Toffanin

Oggi pomeriggio alle 16 su Canale 5 andrà in onda una nuova puntata di Verissimo, il rotocalco condotto da Silvia Toffanin. Nel salotto televisivo di Canale 5, tra i vari ospiti ci sarà anche Ambra Angiolini che parlerà del suo lavoro, della vita sentimentale e di un dramma che ha vissuto in passato. Essendo registrata, siamo in grado di darvi alcune anticipazioni. Andiamo a vedere cosa ha detto.

Ambra Angiolini parla di Massimiliano Allegri e Francesco Renga

“Sono innamorata e quando lo sei non ci puoi fare niente. È un uomo che mi ha insegnato tantissime cose e che, come me, è abbastanza diverso da quello che sembra”,

ha esordito in questo modo Ambra Angiolini a Verissimo riferendosi alla sua dolce metà Massimiliano Allegri. L’attrice, però, ha seccamente smentito di essere impegnata con i preparativi del matrimonio. Infatti da settimane è circolata la notizia che la cantante e l’allenatore della Juventus avrebbero convolato a nozze il prossimo giugno 2019.

“Non ho bisogno di niente, mi sono sposata con me stessa dopo essermi separata. Qualsiasi cosa accadrà sarà una cosa in aggiunta alla mia persona. L’abito bianco me lo sono già messa da sola. Non ho bisogno di un uomo per essere socialmente riconosciuta”,

ha affermato la conduttrice di Non è la Rai. Quest’ultima, inoltre, incalzata da Silvia Toffanin è tornata a parlare dell’ex marito e padre dei suoi figli, ovvero il cantautore Francesco Renga.

“Siamo sereni anche perché Francesco è un uomo divertente: mi fa ridere anche quando non c’è niente da ridere. Gli voglio un bene infinito“,

ha dichiarato la protagonista della fiction di Canale 5 Il Silenzio dell’Acqua.

Spoiler Verissimo: Ambra Angiolini parla di bulimia

Nel corso della lunga intervista a Verissimo, Ambra Angiolini ha parlato anche di un tema molto delicato. A quanto pare l’attrice diversi anni fa ha sofferto di bulimia, una malattia abbastanza delicata e che molto spesso viene sottovalutata.

“Bisogna cercare il proprio cibo, che non è quello reale ma è un cibo diverso. È una malattia vera e una società che impone un solo modello è una società che consegna questa malattia agli adolescenti e alle persone più fragili”,