Caterina Balivo annuncia il lutto a Vieni da me: ‘Ci mancherà, è stato un grande…’

Caterina Balivo
Caterina Balivo

Caterina Balivo e il lutto a Vieni da me

Dopo la pausa dovuta al week-end, lunedì pomeriggio 18 marzo 2019 su Rai Uno è andata in onda una nuova puntata di Vieni da me. Caterina Balivo, però, ha aperto l’appuntamento in modo differente facendo un triste annuncio. La nota conduttrice napoletana ha detto che alcune ore fa è venuto a mancare un grande professioni e spalla di Renzo Arbore.

Stiamo parlando di Mario Marenco. La scomparsa di quest’ultimo ha fatto calare un velo di tristezza al pubblico del programma pomeridiano della prima rete della tv pubblica.

Anche sui vari profili social tantissimi utenti hanno ricordato l’artista, ma si sono anche lamentati per una disattenzione di Mara Venier. Quest’ultima a Domenica In non ha menzionato Marenco, specialmente che era un grande amico del suo ex compagno, facendo storcere il naso agli internauti.

Caterina Balivo ricorda Marenco a Vieni da me

A Vieni da me, Caterina Balivo ha voluto rendere omaggio all’85enne nei primi minuti di trasmissione. A Vieni da me, infatti, la conduttrice partenopea ha affermato che Mario Marenco era un grande artista. Naturalmente tutto il pubblico presente nello studio Fabrizio Frizzi in Roma si è alzato applaudendo. Anche la scorsa settimana la Balivo aveva aperto la settimana con un altro terribile lutto, ovvero della morte di oltre 150 persone, di cui otto italiani, a causa del disastro aereo avvenuto in Etiopia.

Chi è Mario Marenco? 

Mario Marenco era nato a Foggia nel 1933. Da qualche tempo era ricoverato al Policlinico Gemelli di Roma per complicazioni legate al suo stato di salute. Un’artista che nella sua lunga carriera ha impersonato personaggi come il colonnello Buttiglione, la Sgarambona, l’astronauta spagnolo Raimundo Navarro, il dottor Anemo Carlone, il professor Aristogitone, Verzo, Ida Lo Nigro, il poeta Marius Marenco. L’attore, inoltre, è stato legato da un lungo sodalizio con Renzo Arbore e Gianni Boncompagni.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!