Fabrizio Corona accusa L’Isola Dei Famosi: Jo Squillo ha rischiato di morire per la produzione

fabrizio corona

Fabrizio Corona lancia un’altra bomba contro L’Isola dei Famosi e la produzione intera, dichiara che Jo Squillo ha rischiato di morire poco prima che la donna decidesse di abbandonare il reality.

Quest’anno l’Isola ha dovuto affrontare parecchi ostacoli e questo sarà forse uno dei più difficili dato che l’accusa è tra le più pesanti perchè riguarda la salute e la vita di una concorrente.

L’incidente e la cura errata

La concorrente infatti come sappiamo si è ritirata dopo un problema alla caviglia, adesso si muove con le stampelle in quanto niente è stato risolto e lei continua a stare parecchio male. Niente di grave, un semplice slogamento durante il gioco a causa forse di una sua distrazione. Ma noi non conosciamo i retroscena e questi ce li spiega il re del gossip e dei paparazzi.

Subito dopo l’incidente, la donna è stata più volte visitata dai medici del programma, hanno cercato di aiutarla tutti a rimettersi in piedi somministrandole dei medicinali probabilmente sbagliati.

Le medicine infatti erano eccessivamente forti e sommati alla condizione di totale digiuno date le condizioni in cui i concorrenti vivono, le hanno provocato un collasso. Inizialmente la situazione era critica, Jo Squillo rischiava di morire ma è stata salvata in tempo perchè i medici una volta capita la gravità della situazione hanno provato a risolvere e le hanno permesso di abbandonare il gioco.

Un’avventura iniziata male e terminata nel peggiore dei modi

Una volta tornata a casa, ha continuato a soffrire ma la situazione è tornata tranquilla, adesso non è assolutamente in pericolo di vita ma sta comunque affrontando un duro periodo.

Diciamo che la sua Isola era già iniziata male e adesso è finita anche peggio. Ricordiamo che la concorrente era entrata in ritardo di un mese rispetto agli altri concorrenti a causa della perdita dei genitori, l’esperienza in Honduras le aveva dato la speranza di rasserenarsi e invece è andata come nessuno si aspettava.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!