Il dramma di Barbara D’Urso che scoppia a piangere: ecco cosa le è successo

Barbara D’Urso in lacrime nel suo contenitore Pomeriggio Cinque: ecco il motivo

Nell’ultima puntata settimanale di Pomeriggio Cinque la conduttrice Barbara D’Urso si è messa a piangere in diretta. Il tutto è accaduto nella parte iniziale del rotocalco televisivo, ovvero quello dedicata alla cronaca. Ancora una volta ha affrontato un argomento a lui molto caro, ovvero la lotta contro coloro fanno delle violenze alle donne.

La conduttrice napoletana ha avuto in collegamento la signora Maria Antonietta, la donna che si è vista dare fuoco dall’ex marito. Il racconto di quest’ultima ha commosso moltissimo sia il pubblico presente in studio che la stessa Carmelita.

Barbara D’Urso si emozione a Pomeriggio Cinque per la storia della signora Antonietta

Prima di congedarsi con la sua ospite, Barbara D’Urso si è complimentata con Maria Antonietta per la grande forza e il coraggio che ha dimostrato. Poi Lady Cologno ha detto alla signora di non perdere mai questa grande forza.

Inoltre la conduttrice partenopea ha riferito alla sua ospite che per via dei numerosi impegni in televisione non ha tempo per andarla a trovare, altrimenti sarebbe corsa immediatamente in ospedale per farle visita. Poi con le lacrime sul viso ha fatto un bel discorso a Maria Antonietta.

“Ti giuro che se tu fossi qua e avessi la possibilità di venirti a trovare, anche solamente da fuori da quel vetro, io ti giuro che sarei là fuori con le mani vicino al vetro. A testimoniare quello che io provo quando le donne vengono trattate così. Sei lontana, ma io ci sono. Io ci sono. Quando tu vuoi, io ci sono”.

Parole che hanno colpito tantissimo la diretta interessata che, visibilmente emozionata, ha ringraziato con tutto il cuore Barbara D’Urso. Ancora una volta Lady Cologno ha dimostrato di essere una grande professionista, ma anche una grande donna.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)