Sughetto sprint (ragù)

Il piatto del giorno: ragù
Il piatto del giorno: sughetto sprint (ragù)

La ricetta di questo inizio di settimana è quella del sughetto sprint che, in realtà, altri non è che l’ottimo ragù italiano. E’ una salsa che va preparata alla perfezione, per non perdere una nostra fama invidiata da tutti. E’ consigliabile non sostituire la carne cruda con avanzi di carne cotta: il sugo, infatti, sarebbe meno buono perché la carne è stata sfruttata dalla precedente cottura.

Questo ragù è laborioso ma serve per pastasciutte, pasta al forno, risotti, gnocchi di patate e può servire anche per riscaldare arrosti avanzati, polpette, uova strapazzate. In frigo, in contenitore chiuso, si conserva per una settimana ma può benissimo essere messo nel congelatore in piccoli vasetti pronti per l’uso.

Vediamo, dunque, come si realizza questa salsa.

 

Ingredienti per 2 persone:

40 g di carne trita cruda

40 g di salsiccia

1 costa di sedano

qualche foglia di basilico

1 ciuffetto di prezzemolo

1 cipolla piccola

1 rametto di salvia

1 rametto di rosmarino

1 bicchiere di vino

olio di oliva quanto pasta

200 g di pomodori freschi o pelati

1 bustina di funghi secchi (facoltativa)

sale quanto basta

 

Preparazione:

Lavare e asciugare tutti gli aromi, tritarli finemente (non usare il frullatore, perché risulterebbero troppo liquidi e non potrebbero rosolare a puntino).

Mettere un tegame sul fuoco, unire l’olio e gli aromi tritati. Far rosolare le verdure, unire alle verdure rosolate la carne trita e la salsiccia spellata, far rosolare ancora e solo ora salare (se venisse messo prima, il sale farebbe uscire l’acqua dalle verdure e dalla carne impedendone la rosolatura), mescolare con un cucchiaio di legno e unire il vino; far evaporare il vino e finalmente unire i funghi secchi già ammorbiditi in acqua calda e tritati.

Mescolare e aggiungere i pomodori o i pelati tritati, mescolare ancora, unire 1 bicchiere di acqua fredda, far alzare il bollore e coprire. Far cuocere per almeno 1 ora, meglio se per 2 ore.

 

L’appuntamento con la prossima ricetta, ovviamente, è fissato per domani; intanto, se volete restare sempre aggiornati con i miei articoli di attualità, spettacolo e cucina, potete chiedermi l’amicizia cliccando qui e se siete alla ricerca di idee gustose per i vostri amici intolleranti al glutine, potete seguirmi mettendo il vostro like qui.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!