‘Mi sono arresa…’: Romina Carrisi Power, arriva la triste notizia. Ecco cosa è successo

Romina Carrisi Power lascia ancora una volta l’Italia: ecco il motivo

La scorsa settimana Romina e Cristel Carrisi sono state ospite a Domenica In per fare una lunga chiacchierata tra amiche con la conduttrice Mara Venier. Ora, però, attraverso il suo profilo Instagram la ragazza ha rivelato la sua intenzione di lasciare ancora una volta il nostro paese. La figlia di Al Bano infatti, alcune ore fa ha fatto la valigia ed è volta in Austria. Ma per quale motivo?

La quartogenita di Al Bano e Romina Power fa difficoltà a trovare lavoro come attrice

A Domenica In Romina Carrisi aveva confessato di essersi separata dal fidanzato dopo qualche mese di convivenza. Visto che in California non ha più un legame sentimentale per quale motivo ha lasciato ancora una volta l’Italia? Per raggiungere la madre?

C’è da dire che qui la sorella minore di Cristel e Yari non riesce a trovare lavoro. Ricordiamo che nel salotto di Mara Venier la giovane ha confessato la difficoltà di emergere nel mondo della recitazione per via del suo cognome. Infatti essere una Carrisi non porta sempre dei vantaggi visto che dei registi e produttori non la chiamano per partecipare ad un film.

Romian Carrisi vola in Austria per il week end

Niente da fare, Romina Carrisi Power ha deciso di partire alla volta dell’Austria. Quindi la madre che fino a qualche giorno fa ha fatto delle escursioni nel deserto con degli amici, dovrà pazientare per rivederla in California.

Tanti follower della ragazza hanno provato a convincerla a rimanere nel nostro Paese, ma tutti i tentativi sono stati vani. La stessa Romina, però, ha voluto rassicurare coloro che la seguono sui social affermando che sta solo trascorrendo il week end a Vienna, infatti tra qualche giorno tornerà nella sua amata Cellino San Marco.

Carrisi
Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)