Nimesulide ancora in vendita solo in Italia.

Nimesulide ritirato dalla vendita in molti paesi.

nimesulide
nimesulide

Nimesulide, in italia ancora in vendita, ma negli altri paesi?

In molti Paesi i farmaci con principio attivo nimesulide (tipo l’Aulin), sono stati ritirati dal commercio da diverso tempo; pare che l’utilizzo possa causare seri danni al fegato. Purtroppo nel nostro paese questi farmaci sono ancora presenti. Perché? Secondo l’Agenzia europea del farmaco i benefici sono superiori ai rischi. Il principio attivo nimesulide rimane in commercio, ma dovrebbe avere serie limitazioni e condizioni.

I paesi che per primi hanno iniziato a ritirare i farmaci contenenti nimersulide sono stati: Finlandia e Spagna già dal 2002, a seguire l’Irlanda nel 2007. Dopo numerose segnalazioni e’ stata presa la decisione di ritirarli dal mercato. Addirittura nel Regno unito di Sua Maestà non sono mai stati messi in commercio. La domanda viene d’obbligo, perché nel nostro paese non si è fatto nulla? In rete si trovano risposte di tutti i generi e non tutte sono reali.

Nel trascorrere degli anni dal 2002 al 2011, l’EMA ovvero l’agenzia europea del farmaco, ha più volte avviato una procedura controllo e di raccolta, quindi, di analisi dei dati relativi al principio attivo incriminato nimesulide per decidere se dover ritirare o continuare a lasciare in commercio il farmaco nei vari Paesi europei in cui, a tutt’oggi, sono ancora commercializzati.

Nei vari processi di controllo e revisione di cui il più recente risale al 2010, l’EMA ha definito che i benefici che tale sostanze apportano superano di gran lunga i rischi che possono provocare. Quindi per questi motivi nimesulide in tutti i suoi formati resta in commercio, anche se deve essere considerato un antidolorifico di seconda scelta.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!