‘Le hanno salvato la vita da…’: Michelle Hunziker e i terribili anni dentro una setta

Michelle Hunziker

Giancarlo Aneri si confessa al Corriere della Sera

L’imprenditore Giancarlo Aneri ha recentemente rilasciato una lunga intervista al Corriere della Sera parlando di Michelle Hunziker. L’uomo ha fatto delle confessioni clamorose sulla soubrette svizzera e il disagio e il pericolo che ha corso negli ultimi anni.

Michelle Hunziker e il periodo dentro una setta

Qualche tempo fa, nel corso di un’intervista Michelle Hunziker rivelò di aver trascorso cinque anni peggiori della sua vita. La madre di Aurora Ramazzotti ha scritto anche un libro, le i particolari svelati da Giancarlo Aneri hanno davvero dell’incredibile.

L’imprenditore, infatti, ha detto che ad aiutare l’ex moglie di Eros dall’incubo della setta sono stati due grandi della televisione italiana. Ovvero il compianto giornalista Enzo Biagi e il padron del tg satirico Striscia la Notizia, Antonio Ricci. Il primo ci è riuscito grazie alla sua grande saggezza, mentre il secondo dandole la conduzione del suo programma e quindi sostenersi.

“Michelle Hunziker era finita in una setta. È una grande, ma in quel periodo era vulnerabile. Enzo Biagi la ascoltava, le teneva la mano mentre raccontava la sua storia”,

ha rivelato Aneri al Corriere della Sera.

Giancarlo Aneri e le confessioni su Michelle Hunziker

Ma chi è Giancarlo Aneri? Quest’ultimo può essere considerato il coppiere dei potenti, che riesce a far stappare le sue bottiglie a politici e vip, tra cui i presidenti Obama, Trump, Putin, Silvio Berlusconi. L’imprenditore nel corso della lunga intervista al Corriere della Sera ha svelato anche un altro dettaglio segreto sulla soubrette di origini svizzere Michelle Hunziker.

“Un ruolo importante lo ha avuto Antonio Ricci. Con la sua trasmissione Striscia la notizia, si schiera sempre con i deboli e fa paura ai forti. Ha salvato Michelle, assieme a Biagi. Ha anche organizzato una campagna di informazioni contro le sette”,

ha concluso l’uomo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!