Sempre connessi! Anche in aereo.

L’Easa, Ente Europeo responsabile della sicurezza aerea, ha dato il via libera all’uso di cellulari, pc e tablet in aereo, anche nelle fasi di decollo e atterraggio! Perciò sempre connessi!

Il sogno di molti di poter essere sempre connessi 24 ore su 24, in qualsiasi luogo, sta diventando realtà. D’ora in poi viaggiare in aereo sarà come viaggiare in treno, nessuna limitazione ai vostri dispositivi tecnologici, non si dovrà neanche più fare la fatica di selezionare la modalità volo, il vostro viaggio sarà così: arriverete in aeroporto connessi, raggiungerete l’alta quota senza dover spegnere nulla, atterrete e ve ne andrete via sempre connessi! Sarà quindi possibile telefonare, mandare messaggi, mail e navigare in internet, sempre!

La rivoluzione in aereo ad opera dell’Easa, sarà esecutiva in tutti i Paesi dell’Unione Europea, senza distinzioni, bisogna però sapere che è possibile incappare in qualche limitazione, questo perché, per fornire questo servizio innovativo, le compagnie aeree dovranno dotare i proprio velivoli di appositi ricetrasmettitori, che consentano le telefonate e connessioni a internet, ma questo non sarà comunque un ostacolo a questa rivoluzione, molti aerei, soprattutto in Australia, dove le compagnie Qantas e Virgin sono operative in tal senso già da agosto, ma in un breve lasso di tempo, lo saranno anche gli aerei in tutto il resto del mondo.

Da tenere presente però, che per essere sempre connessi anche in aereo, bisognerà comunque rispettare le indicazioni del pilota, infatti nel caso in cui richieda nelle fasi di decollo e atterraggio, lo spegnimento di tutti i dispositivi elettronici presenti a bordo, bisognerà farlo senza sindacare la decisione.

Comunque sia, sono stati fatti studi, sulla reale pericolosità dell’uso dei cellulari e non risulta che si corrano rischi di interferenze con le apparecchiature di bordo, l’uso ne viene vietato per non creare problemi alle comunicazione tra cabina di pilotaggio e assistenza tecnica a terra.

Il via libera al sempre connessi vale per tutti i dispositivi di telecomunicazione, perciò computer portatili, smartphone, lettori Mp3 e quant’altro.

Per questa rivoluzione bisogna dire grazie al commissario europeo ai Trasporti Siim Kallas, che da più di un anno ormai chiedeva l’autorizzazione all’uso libero delle apparecchiature elettroniche sugli aerei.

Ora c’è da confidare nella buona educazione dei passeggeri, ok al sempre connessi, ma che questo avvenga nel rispetto della libertà altrui e del quieto vivere; sotto questo aspetto il presidente dell’Enac, Vito Riggio, annuncia limitazioni: “La cabina non deve diventare una giungla di trilli e suonerie” e l’ultima parola spetterà sempre al personale di cabina… Per fortuna!

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!