Laura Chiatti e Marco Bocci festeggiano tra gli sposi

Laura Chiatti

Laura Chiatti e Marco Bocci hanno una vita social parecchio interessante, pubblicano spesso scatti di qualunque genere, rilasciano dichiarazioni ed informazioni interessanti e divertenti.

L’ultima storia Instagram pubblicata dalla moglie riguarda il lato B di Marco, assolutamente niente di piccante come si pensa o si può immaginare, l’attore infatti sfoggia un paio di slip color carne imbottiti sui glutei, che indossa sopra i pantaloni. I due si divertono nel backstage di una sfilata di abiti da sposa di cui Laura Chiatti era protagonista.

Il look durante la sfilata

Lei come sempre bella e romantica, indossa un abito che ne esalta tutti gli aspetti positivi ed attraenti, un fisico mozzafiato. Abito lungo bianco che sottolinea le forme perfette, lui molto più semplice e scanzonato, con mutande push up si presta per delle riprese divertenti, simpatiche e leggere prendendo in giro le modelle in passerella.

Il matrimonio ed i figli dal 2014 ad oggi i due legati più che mai

I due stanno insieme ormai da diversi anni, ricordiamo infatti che si sono sposati il 5 luglio del 2014 in chiesa, hanno fatto una promessa d’amore che li lega e continuerà a tenerli legati negli anni. Ricordano il loro anniversario ogni anno con un post su Instagram e proprio tramite questo social la donna informa i suoi seguaci di avere intenzione di rinnovare le promesse in chiesa in occasione del prossimo anniversario.

Il loro amore ha dato vita a due bellissimi figli: Enea e Pablo, il secondo è stato così chiamato in onore di Pablo Neruda ed hanno rispettivamente 4 e 2 anni e mezzo. Ai figli la coppia dedica spesso dolci parole e pensieri condivisi sui social per esempio in occasione dei loro compleanni.

Un ultimo post dedicato al piccolo Enea poneva al centro non soltanto l’importanza del piccolo per i genitori ma anche il desiderio, la speranza di essere entrambi all’altezza, di riuscire a crescerlo bene e di insegnargli come stare al mondo nell’onestà e nella serenità.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!