Raffaella Carrà, il grave lutto all’improvviso: l’addio a poche ore da “A raccontare comincia tu”

Grave lutto per Raffaella Carrà, lacrime e disperazione per la presentatrice.

Raffaella Carrà in lutto. La presentatrice tv che tra pochi giorni tornerà sul piccolo schermo con ‘A raccontare comincia tu‘, ha dovuto dire addio per sempre alla sua amata cugina. Vediamo nei dettagli cosa è successo.

Raffaella in lutto, addio alla cugina Nadia Masacci

Raffaella Carrà purtroppo ha dovuto dire addio alla sua amata cugina scomparsa lunedì. Stamane, infatti, sono stati celebrati i funerali di Nadia Masacci, storica titolare di una boutique chiamata L’Angolo di piazza Matteotti. Le due donne oltre ad essere in parentela avevano anche un bellissimo rapporto di amicizia e per Raffaella è stata dura lasciarla.

Nadia è morta dopo un mese di ricovero in ospedale in quanto era affetta da una grave Polmonite ed è stata ricoverata circa un mese fa all’ospedale di Rimini. Il figlio Dino ha voluto ricordare la madre con un dolce pensiero postato sui social, specificando quanto sia stata forte in questo anno. Inoltre, quest’ultimo ha precisato che il negozio continuerà a restare aperto proprio in memoria della mamma che ha sempre amato il lavoro.

“IL NEGOZIO PROSEGUIRÀ LA SUA ATTIVITÀ CON MIA SORELLA LIVIA. GUAI SE CI VENISSE IN MENTE DI CHIUDERE.”

Un anno difficile per la conduttrice di “A raccontare comincia tu

Raffaella Carrà purtroppo quest’anno ha dovuto affrontare due dolori. Prima di Nadia, infatti, circa sei mesi fa è scomparso anche il fratello della Masacci. Un anno sofferto, quindi, per la famiglia Carrà che oggi piange la morte di due care persone.

Raffaella nonostante gli impegni per il suo nuovo programma “A raccontare comincia tu“, che andrà in onda su Rai tre, ha deciso di omaggiare la morte della cugina Nadia con delle composizioni floreali a forma di cuore, posizionati all’interno della chiesa. I funerali della defunta, si sono tenuti ieri alle 9.45, dalla camera mortuaria fino al cimitero di Bellaria.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!