Mario Cipollini a processo: accusato di violenza e minacce contro l’ex moglie

mario cipollini

Mario Cipollini, il noto campione di ciclismo è stato convocato a processo per maltrattamenti, stalking, lesioni, violenze di vario genere e minacce contro l’ex moglie, Sabrina Landucci. Le indagini su di lui e la vita con la donna sono terminate e il 22 marzo si è deciso di condurre l’uomo in tribunale per mettere il punto a questa storia che prosegue ormai da troppo tempo.

La donna dichiara di sentirsi stanca, di essersi annullata a causa di una vicenda che l’ha distrutta fisicamente e psicologicamente. I problemi tra Cipollini e la moglie c’erano già da qualche tempo, ma la donna oggi 50enne aveva deciso di tenere tutto per sè.

L’ex moglie di Cipollini rifiuta l’assegno di mantenimento per sè

Le cose sono precipitate quando ha subito violenza presso il luogo di lavoro, li non ha avuto altra scelta se non denunciare, almeno per rispetto nei suoi stessi confronti. C’è chi le punta il dito contro e pensando forse in modo troppo maligno e malizioso crede sia interessata più che altro all’aspetto economico di Cipollini.

Proprio per smentire ciò irrompe il suo legale che informa che la donna non è mai stata interessata ai soldi, tant’è vero che ha voluto lasciare la casa al marito ed ha richiesto l’assegno di mantenimento solo per le figlie rinunciando a quello per sè. I due si sono sposati nel 1993 e si sono detti addio nel 2005 dopo aver avuto due figlie, Rachele e Lucrezia.

Atti di violenza presso la palestra in cui lavora Sabrina

Secondo l’accusa, Cipollini nel 2017 avrebbe inviato all’ex moglie dei messaggi di minacce rivolti anche al nuovo compagno per poi recarsi nella palestra Ego dove la donna lavora ed aggredirla sbattendole la testa contro il muro. E’ certo che l’uomo non sia ancora riuscito ad accettare la fine del matrimonio.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!