Anticipazioni Gomorra 4, prima puntata di venerdì 29 marzo: Ciro l’Immortale è ancora vivo? (Video)

Gomorra 4

Ciro l’Immortale è davvero morto?

L’attesa è finita, questa sera venerdì 29 marzo 2019 su Sky Atlantic e Sky Cinema Gomorra 4 andrà in onda la prima puntata della quarta stagione di Gomorra. Come tutti ben sanno la serie tv è il best-seller di Roberto Saviano edito in Italia da Mondadori. La prima edizione ha preso al via nel 2014 e ora i telespettatori sono curiosi di sapere se Ciro Immobile sia davvero morto oppure no. Nel prosieguo dell’articolo troverete tutte le anticipazioni dei promo due episodi.

Gomorra 4: numero di puntate e dove rivedere le puntate

Stando agli spoiler diffusi in rete, Gomorra 4 sarà composta da 12 episodi. Quest’ultimi verranno trasmessi ogni venerdì in prime time su Sky Atlantic, ma sarà disponibile anche su Sky On Demand per tutti coloro che hanno perso la puntata. Cosa accadrà? Ci saranno nuovi morti e chi prenderà il potere? Ecco a voi tutte le anticipazioni della nuova avvincente edizione di Gomorra.

Spoiler Gomora 4

Chi ha seguito Gomorra 3 sa perfettamente che si è conclusa con la morte di Ciro l’Immortale. Ad assassinarlo era stato il fratello Genny Savastano, con un colpo di pistola diretto al cuore. Ma anche Scianel era morta per mano di Patrizia. Ora i telespettatori si chiedono: l’Immortale è davvero deceduto? Sulla barca su cui avevamo lasciato i due protagonisti, Genny è rimasto da solo.

Quest’ultimo per mettere in salvo sé stesso e i suoi familiari, dopo aver ucciso il fratello lascerà l’Italia per trasferirsi a Londra, dove si inserirà nel mondo del business come imprenditore. Nella nuova stagione i protagonisti della serie tv si muoveranno sulla capitale d’Inghilterra, ma anche a Napoli, Bologna e Reggio Emilia.

Ma per Genny, Patrizia, Azzurra, Enzo e Valerio problemi e vendette si susseguono ogni giorno. Nel frattempo nel capoluogo campano Enzo e Valerio hanno riconquistato il traffico, ma fratelli Capaccio, gli unici due Confederati rimasti in vita, sono agitati perché vogliono allargarsi ai danni di Secondigliano.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!