Social e chat: non potremo utilizzare WhatsApp, ecco quando

Non potremo utilizzare WhatsApp

L’applicazione WhatsApp è quella più utilizzata al mondo. Da sempre i programmatori aggiungono costantemente un tocco di originalità. Dopo le cosiddette ‘spunte blu’, stavolta hanno introdotto la modalità scura. Si tratta di una funzionalità che permette di cambiare i colori dello sfondo delle chat, utilizzando come base il nero.

Secondo il loro punto di vista, la Dark Mode porterebbe diversi benefici: non stanca gli occhi quando si utilizza lo smartphone di notte e soprattutto riduce il consumo della batteria. Per realizzare ciò, per un paio d’ore non potremo utilizzare WhatsApp. Al momento non è stata ancora comunicata una data.

Resisteremo senza WhatsApp?

WhatsApp permette di parlare con persone che vivono in ogni luogo del nostro pianeta. Possiamo restare in contatto con parenti e amici, avvalendoci soprattutto dei messaggi vocali. Al momento la Dark Mode vale solo per gli schermi OLED, dunque per usufruirne su larga scala bisogna ancora attendere.

Gli sviluppatori hanno rilasciato la modalità scura all’interno della versione beta di WhatsApp per Android. Per gli altri sistemi ci saranno delle tempistiche da rispettare, ma l’operazione necessiterà di alcune ore. Qualcuno si lamenterà del temporaneo disagio, come quando accadde qualche mese fa a causa di alcuni truffatori.

In pratica rubavano un’immagine dal profilo di una persona e la inserivano come foto del proprio account. Poi contattavano un parente o un amico della persona vittima del furto virtuale, chiedendo una ricarica PostePay per un’emergenza economica. Per fortuna i malfattori sono stati catturati.

Un mondo immerso nella comunicazione

Oltre a WhatsApp, ci sono altri modi che ci consentono di stare in perenne contatto con tutti. Internet, per esempio, rappresenta una finestra aperta sul mondo. Offre una miriade di informazioni da selezionare e fa accedere a diverse piattaforme virtuali come Instagram, il social che ha rimpiazzato Facebook e Twitter.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!