La storia di Vivienne: la bambina che poteva solo sussurrare

Vivienne la bambina che poteva solo sussurrare

Vivienne Weil è una bambina di soli 8 anni. Per anni la piccola non ha potuto parlare ma solo emettere dei sussurri. In particolare fino ai 2 anni di età non ha mai parlato e dopo il suo tono di voce non è stato più forte di un sussurro. A raccontare la sua storia è il Washington Post.

La storia di Vivienne: la bambina che sussura

I genitori della piccola che è nata a Rockville, Maryland, Stati Uniti, nel 2011, inizialmente attribuivano questo problema a una sorta di timidezza da parte di Vivienne. Fatto sta che per anni, neanche i medici sono riusciti a individuare la causa all’origine di questo disturbo.

In un primo momento infatti avevano sospettato la presenza di una infezione alle prime vie respiratorie, poi un reflusso gastrico. Approfondendo i sintomi della bambina, scoprono che in realtà i problemi di Vivienne purtroppo erano molto più gravi. La piccola era affetta da una serie di tumori molto rari non cancerogeni delle prime vie aree determinati da due ceppi di papillomavirus umano (HPV), HPV 6 e HPV 11. Nello specifico la malattia di cui soffre la bambina si chiama papillomatosi respiratoria ricorrente. La patologia è causata da due ceppi del virus che si trasmette per via sessuale e che può essere acquisto alla nascita o anche prima.

La mamma della piccola, che a quel tempo era incinta della sua seconda figlia, è rimasta esterefatta, in quanto non sospettava di aver mai avuto infezioni di questo tipo:

“Pensavo: ho trasmesso questo alla mia bambina. Ricordo di essermi seduta in quella piccola stanza e aver pensato: avrà a che fare con questo per sempre”.

D’altronde lo specialista che ha visitato Vivienne formulando la diagnosi della malattia, ha fatto presente ai genitori, che se avessero atteso ancora per farla curare, sarebbe stato molto difficile intervenire, perché i tumori si erano ingranditi al punto tale da minacciare le sue vie aree.

Per la rimozione dei tumori, la bambina ha subito diverse operazioni chirurgiche che ne hanno migliorato la voce. Gli interventi sono stati intervallati nel tempo per prevenire possibili danni alle corde vocali.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!