Gli haters si scatenano e Elisa Isoardi difende il suo nuovo fidanzato

elisa isoardi

Elisa Isoardi ha recentemente pubblicato una foto insieme al nuovo fidanzato Alessandro Di Paolo e all’avvocato Marcello D’Onofrio, probabilmente gli haters non aspettavano altro per scatenarsi e dare libero sfogo alle critiche. Il nuovo compagno della Isoardi ha ricevuto un’enorme quantità di offese, lo ritengono brutto e non adatto a lei, molti scrivono che lei è bellissima e non può essersi accontentata di uno come lui.

La risposta della Isoardi ed il rimprovero agli haters

Ma la Isoardi non ci sta e sceglie di prendere le sue difese rimproverando i suoi follower di essere superficiali, di essersi permessi di giudicare una persona che fondamentalmente non si conosce, semplicemente dall’aspetto fisico, anzi da una foto.

Dice di averlo scelto con il cuore perhè ha tantissimi pregi, primo tra tanti la bontà, la fa stare bene, la rende felice, le regala grandi gioie ed emozioni anche nei momenti più semplici o inaspettati, ha delle grandiose caratteristiche intellettuali. La Isoardi non si sofferma affatto sull’aspetto fisico o sull’attrazione, sarebbe anche in questo caso superficiale, ma si può dare per scontato che l’attrazione fisica tra i due ci sia eccome.

Un anello al dito, proposta in arrivo?

Afferma inoltre di vivere meglio da quando ha deciso di fare coppia con lui, cosa che consiglia di fare anche a chi perde tempo scrivendo cattiverie sui social piuttosto che pensare alla propria vita. La conduttrice tv qualche giorno fa aveva anche postato una foto dalla quale è impossibile non notare la presenza al dito di un enorme smeraldo e anche li sul web si era scatenato l’inferno.

Anello di fidanzamento? Proposta in arrivo? Chissà. Tra l’altro tra gli haters c’è ancora chi spera di poterla rivedere un giorno in compagnia di Matteo Salvini, evento alquanto improbabile perchè come lei, anche lui ha scelto di andare avanti ed infatti è stato spesso fotografato in compagnia della sua nuova fiamma, Francesca Verdini.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!